La vittima è un pilota di 61 anni: stava girando sul tracciato del Cremona Circuit-Angelo Bergamonti. Accertamenti affidati ai carabinieri.

È un uomo di 61 anni la vittima del drammatico incidente avvenuto in pista in Provincia di Cremona, per la precisione al Cremona Circuit-Angelo Bergamonti di San Martino del Lago. Il 61enne stava girando in pista con la sua auto quando si è andato a schiantare contro il guard-rail. Inutili i tentativi dei soccorritori.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Incidente in pista in Provincia di Cremona, morto pilota 61enne

In base alle prime ricostruzioni, Fabrizio Antonuzzi, imprenditore e pilota per passione, stava girando in pista con la sua Gt3 Rs quando, alla fine di un rettilineo, è andato lungo e si è schiantato contro il guard-rail. Un impatto terribile a oltre duecento chilometri orari. Secondo le prime informazioni, il pilota non avrebbe neanche provato a frenare.

Inutili i soccorsi da parte del personale sanitario. Quando hanno raggiunto l’auto, i soccorritori non hanno potuto fare altro che constatare il decesso del 61enne.

Le immagini circolate sulla rete rendono l’idea del violentissimo scontro. La macchina è parzialmente distrutta con gravi danni causati dall’impatto con la barriera di protezione.

GP Formula 1
GP Formula 1

Le ipotesi sulle cause dell’incidente sulla pista del Cremona Circuit-Angelo Bergamonti

Le ipotesi sulle cause dell’incidente sono due. Il pilota potrebbe aver avuto un problema ai freni, che quindi non si sarebbero attivati, o potrebbe essere stato colto da un malore e per questo non avrebbe frenato al termine del rettilineo. Gli accertamenti sono affidati dai Carabinieri di Solarolo Rainerio.

Chi è la vittima

Fabrizio Antonuzzi era un noto imprenditore e un grande appassionato di motori. Aveva anche una discreta esperienza come pilota. Aveva una mogie e quattro figli.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 11-12-2021


Milano, Pregliasco il piazza con i no vax per capire e dialogare. Insulti e minacce

European Film Awards, vince Quo vadis, Aida?