Incidente sul lavoro nel Pavese: quattro persone annegano in una vasca di liquami

Incidente sul lavoro nel Pavese. Quattro persone sono morte annegate in una vasca di liquami di un’azienda di Arena Po.

ARENA PO (PAVIA) – Incidente sul lavoro nel Pavese. Nel primo pomeriggio di giovedì 12 settembre 2019 quattro persone hanno perso la vita in una vasca di liquami di un’azienda di Arena Po. Secondo le prime informazioni che arrivano dagli inquirenti le vittime sarebbero due dipendenti e i proprietari di questa ditta di allevamento, molto conosciuta in tutta la zona.

Sono in corso le operazioni per svuotare la vasca di compostaggio di fertilizzante per recuperare i corpi. Il magistrato ha predisposto l’autopsia per accertare le cause del decesso di queste persone.

Incidente sul lavoro nel Pavese, la ricostruzione

Sono in corso le indagini per ricostruire meglio la dinamica di questa tragedia. Al vaglio degli inquirenti il motivo dell’immersione in questa vasca di fertilizzanti. Nelle prossime ore i militari ascolteranno i colleghi per provare a capire meglio quanto successo nell’azienda.

Alcune risposte potrebbero arrivare anche dall’autopsia visto che il magistrato ha ordinato i controlli medici per accertare i motivi del decesso. La prima ipotesi sembra quella di annegamento ma nelle prossime ore si saprà qualcosa di più con la Procura che ha aperto un fascicolo sull’ennesimo incidente sul lavoro.

Ambulanza
Db Milano 07/10/2009 – Ospedale Niguarda / foto Daniele Buffa/Image nella foto: ospedale Niguarda ambulanza

I sindacati: “Una sconfitta per tutti”

Duro il commento della segretaria generale della CISL che su Twitter si stringe ai familiari delle vittime: “E’ una tragedia agghiacciante – scrive – che ci lascia tutti sgomenti e senza parole la morte di quattro operai in un’azienda agricola nel Pavese. E’ davvero una sconfitta per tutti“.

Il sindacato si appella ancora una volta al Governo per cercare di trovare una soluzione: “La sicurezza sul lavoro è una priorità, una vera e propria emergenza nazionale che il nuovo Governo deve affrontare insieme alle parti sociali con urgenza e con provvedimenti straordinari“.

Di seguito il post di Annamaria Furlan

ultimo aggiornamento: 12-09-2019

X