A Milano non si fermano le frenate brusche in metro. Questa volta è capitato sulla linea 2 all’altezza della stazione di Cassina de’ Pecchi.

MILANO – Nuova frenata brusca in metropolitana a Milano. Nel pomeriggio di lunedì 11 marzo 2019 un treno si è fermato improvvisamente all’altezza della stazione di Cassina de’ Pecchi, lungo la linea 2. Il bilancio è di due persone rimaste ferite ma non ci sono stati particolari problemi alla circolazione. I treni hanno proseguito il loro viaggio senza sosta.

Si tratta del terzo caso simile in pochi giorni visto che prima ci sono stati problemi sia sulla linea 1 che anche sulla M2. Anche in quegli episodi sono stati registrati feriti e contusi ma nessuno in gravi condizioni. Si lavora per cercare di capire a cosa sono dovuti questi problemi e trovare una soluzione per fermare queste frenate brusche.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Metro Milano
fonte foto https://twitter.com/ArcigayMilano

Problemi metro a Milano, l’assessore: “Episodi in diminuzione rispetto agli anni scorsi”

Sulla vicenda è intervenuto anche l’assessore alla Mobilità del Comune che in Consiglio comunale – come riferito da Sky TG24 – fa il punto su questi episodi: “ATM sta lavorando su due aspetti. Il primo è un graduale ammorbidimento della frenata, per averla meno brusca e quindi non avere le conseguenze che ci sono state in questi giorni. Il secondo è rivelato alla logica del sistema, perché si possa tarare meglio il passaggio alla frenata di emergenza“.

L’assessore Marco Granelli specifica come “gli episodi di frenate sono aumentati in tre anni per poi diminuire nel 2018. Nel 2015 sono state 67, nel 2016 sono salite a 79, nel 2017 a 109 per poi scendere nel 2018 a 83. Si sta lavorando per affinare il rilevamento della criticità ma in ogni caso crediamo che sia meglio avere un episodio di frenata o di rallentamento in più rispetto ad un incidente che porterebbe conseguenze più gravi“. Dati che però sembrano aumentare in questo 2019.

fonte foto copertina https://twitter.com/ArcigayMilano


Il premier Conte in visita al bar distrutto dai Casamonica

Roma, aumenta il prezzo del biglietto del Colosseo: ecco il nuovo costo