Tragico incidente stradale sull’A1. Una vettura si è scontrata con un tir che ha preso fuoco. Niente da fare per un bimbo di 10 anni e il padre, morti carbonizzati.

ANCONA – L’Autostrada del Sole si tinge ancora di rosso. Nelle prime ore di mercoledì 28 agosto una vettura si è scontrato con un tir, che si è ribaltato e ha preso fuoco. Niente da fare per il bambino di dieci anni e il padre che si trovavano a bordo dell’automobile: i due sono morti carbonizzati. La mamma è rimasta ferita leggermente ed è stata portata all’ospedale di Orvieto in stato di shock.

Rimaste illese le due persone a bordo dell’autoarticolato mentre un agente della Polizia Stradale è rimasto leggermente ustionato dalle fiamme. Il tratto di strada tra Orvieto e Fabro sta ritornando alla normalità, con i militari a lavoro per cercare di capire la reale dinamica dello scontro.

Incidente stradale sull’A1: indagini in corso per la dinamica

Difficile capire la reale dinamica dell’incidente ma secondo una prima ricostruzione della Polizia Stradale, il tir ha agganciato con il rimorchio l’auto che stava effettuando il sorpasso. Al momento non si conoscono le cause che hanno portato alla perdita del controllo del mezzo da parte dell’autista che è stato sottoposto a tutti i controlli del caso per verificare in corpo la presenza di alcool o di sostanze stupefacenti.

Subito dopo l’incidente sul luogo sono intervenuti gli agenti. I militari sono riusciti a salvare la donna che era a bordo dell’auto ma per il marito e il figlio non c’è stato niente da fare, visto che sono stati travolti in pieno dallo scoppio del tir che trasportava pasta. Una nuova tragedia sulle autostrade italiane che qualche settimana fa ha visto un altro camion prendere fuoco, creando diversi disagi e tanta paura.

Di seguito il video del tragico incidente sull’A1

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
autostrada del sole cronaca incidente Orvieto tir

ultimo aggiornamento: 29-08-2018


È morto Silvano Campeggi, la ‘mano’ di Casablanca

Rocca di Papa, i migranti della Diciotti: “Siamo stati torturati”