Incidente stradale per Giancarlo Magalli a Roma. Auto distrutta ma il conduttore è rimasto illeso. La figlia: “Qui tutti bene”.

ROMA – Giancarlo Magalli è stato vittima di un brutto incidente stradale per fortuna senza gravi conseguenze. Come raccontato da Il Tempo, il popolare conduttore televisivo ha perso il controllo della sua auto sulla Cassia, a Roma, nel pomeriggio di giovedì 23 gennaio 2020. Nello scontro è stato coinvolto anche un Suv con una famiglia a bordo ma nessuno è rimasto ferito.

Indagini in corso per capire il motivo di questo incidente. Le prime ipotesi fanno pensare all’alta velocità ma sono stati autorizzati anche i controlli alla macchina per capire se si è trattato di un guasto meccanico.

Incidente Giancarlo Magalli, conduttore illeso

Secondo la ricostruzione fatta dagli inquirenti, il giornalista si trovava sulla Cassia-bis, all’uscita di Formello, quando ha perso il controllo della sua auto che è andata distrutta dopo un violento impatto con il guard rail. Nell’incidente è stato coinvolto anche un Suv con una famiglia a bordo ma nessuno ha riportato gravi conseguenze.

Decisiva per la vita del conduttore la cintura di sicurezza. Inoltre, l’attivazione dell’airbag ha attutito la forza dello schianto. Tanta paura per Magalli che sta bene e presto potrebbe essere ascoltato dagli inquirenti per cercare di ricostruire meglio la dinamica.

Giancarlo Magalli
Giancarlo Magalli

La figlia: “Qui tutti bene”

Le rassicurazioni sono arrivate immediatamente dal profilo Instagram della figlia Michela che in un post rassicura i fan: “Qui tutti bene, uno spaghetto e passa la paura“. Sul posto dell’incidente è arrivato anche Marcello Cirillo, grande amico di Magalli, che ai giornalisti ha raccontato la scena dell’incidente.

E’ stato un miracolo – ha detto – l’auto era un cartoccio. Nessuno poteva credere che dalle lamiere qualcuno potesse uscire vivo. Giancarlo è stato miracolato“. Passata la paura, per Magalli è tempo di ritornare alle sue consuete attività.


Caso Foodora, la Cassazione conferma la sentenza della Corte d’Appello

Legittima difesa, assolto l’oste che sparò e uccise un ladro in provincia di Lodi