Drammatico incidente stradale a Lamezia Terme, morto un ragazzo di 31 anni. Il conducente accusato di omicidio stradale. Nel 2010 investì e uccise otto ciclisti. Fu condannato a 5 anni di carcere.

Chafil Elketani, marocchino di 34 anni, è indagato per l’incidente stradale avvenuto a Lamezia Terme lunedì 6 settembre. Incidente nel quale ha perso la vita un suo connazionale di appena 31 anni. Chafil Elketani è la stessa persona che nel 2010, sulla statale 18 Tirrenica, investì e uccise otto ciclisti amatoriali.

Incidente stradale a Lamezia Terme

Nella giornata del 6 settembre, Elketani ha perso il controllo dell’auto presa a noleggio e si è schiantato contro il guard rail. Nell’incidente ha perso la vita un ragazzo di 31 anni. Lo stesso Elketani è rimasto ferito ed è stato ricoverato in gravi condizioni presso l’ospedale di Catanzaro.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Ambulanza
Ambulanza

Le indagini degli inquirenti: Elketani indagato per omicidio stradale

Sul caso indagano gli inquirenti. Chafil Elketani risulta iscritto nel registro degli indagati. Per lui l’accusa è quella di omicidio stradale. Secondo gli inquirenti, a causare l’incidente mortale sarebbe stata la velocità elevata alla quale viaggiava l’automobile.

Carabinieri
Carabinieri

Chi è Chafil Elketani: nel 2010 investì e uccise 8 ciclisti

Nel 2010 Elketani fu arrestato per la morte di otto ciclisti. Alla guida, senza patente, di una Mercedes, falciò un gruppo di ciclisti amatoriali. Otto persero la vita. Il marocchino era alla guida sotto effetto di droghe. Il ragazzo era senza patente in quanto gli era stata ritirata poche settimane prima. Il caso si chiuse con la condanna a cinque anni di carcere. All’epoca dei fatti non era ancora stato istituito il reato di omicidio stradale. In sede processuale, il marocchino si era detto pentito.

ultimo aggiornamento: 10-09-2021


Covid, controlli dei Nas in spa e centri benessere, chiuse 11 strutture. Medici No Vax a Bologna, sospesi in 30

Vaccino Covid, 555 decessi in Italia dall’inizio della campagna di vaccinazione