Incidente su una piattaforma petrolifera al largo di Ancona, ci sono feriti. Un operaio è stato sbalzato in mare. Ritrovato il suo corpo senza vita.

È di due feriti e un morto il bilancio di un incidente avvenuto su una piattaforma petrolifera al largo di Ancona. In seguito all’incidente uno degli operai sarebbe stato sbalzato in mare. Immediato l’inizio delle operazioni di ricerca e soccorso a bordo della piattaforma.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Incidente su una piattaforma petrolifera Eni al largo di Ancona: due feriti e un morto

L’incidente è avvenuto a bordo della piattaforma Barbara F dell’Eni, situata a circa sessanta chilometri dalla costa tra Ancona e Pesaro. La notizia è stata confermata proprio dall’Eni che ha pubblicato una nota ufficiale sui propri canali istituzionali.

Ambulanza
fonte foto https://www.facebook.com/Primapartenza-Brescia-772460412826349/

Le dinamiche dell’incidente

Stando alla ricostruzione fornita proprio dall’Eni, una gru si sarebbe staccata nel corso delle operazioni e sarebbe finita in mare. Nella caduta avrebbe causato il ferimento di due operai, mentre un terzo è finito in mare insieme con la gru. I soccorritori hanno localizzato il corpo dell’uomo ormai senza vita.

Immediato l’intervento da parte delle navi della guardia costiera locale che hanno iniziato le ricerche dell’operatore della gru finito in mare e che è risultato disperso al momento della conta degli operai rimasti coinvolti nell’incidente. L’uomo è morto in mare.

Da chiarire le cause dell’incidente

Le indagini dovranno chiarire le cause che hanno portato al distaccamento della gru dalla propria struttura portante. Gli inquirenti dovranno chiarire se si sia trattato di un incidente accidentale o se possa esserci una responsabilità umana legata magari allo scarso controllo e alla poca manutenzione sulla piattaforma.

NOTIZIA IN AGGIORNAMENTO

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 05-03-2019


Martedì grasso, il significato e la data della festa

I servizi segreti italiani: le Ong favoriscono i criminali