Incidente sul lavoro in provincia dell’Aquila: morti due operai. Si indaga per omicidio colposo.

SAN PIO DELLE CAMERE (L’AQUILA) – Incidente sul lavoro in provincia dell’Aquila. Due operai hanno perso la vita in seguito ad un crollo del fabbricato.

Secondo quanto scritto da La Repubblica, le vittime stavano demolendo un edificio danneggiato dal terremoto quando, per motivi ancora da accertare, la struttura è crollata. Per i due lavoratori non c’è stato niente da fare. La Procura ha aperto un’indagine per omicidio colposo.

Il crollo

Il crollo è avvenuto nel pomeriggio di sabato 13 marzo. I due stavano lavorando al pian terreno dell’edificio quando, per motivi ancora da accertare, il fabbricato è crollato.

I colleghi hanno immediatamente lanciato l’allarme. I soccorritori, però, non hanno potuto fare altro che constatare il decesso degli operai. Prima di recuperare i corpi è stato necessario mettere in sicurezza l’area interessata dal crollo.

Ambulanza
Db Milano 07/10/2009 – Ospedale Niguarda / foto Daniele Buffa/Image nella foto: ospedale Niguarda ambulanza

L’indagine

La Procura dell’Aquila ha aperto un’indagine per duplice omicidio colposo. Sul posto anche i carabinieri e il magistrato per effettuare tutti gli accertamenti del caso. Nelle prossime ore saranno ascoltati i colleghi per capire se si è trattato di un semplice incidente oppure se non sono state rispettate le norme di sicurezza.

Luigi Sbarra (Cisl): “Un fatto grave”

L’ennesimo incidente sul lavoro è stato commentato sui social da Luigi Sbarra, segretario generale della Cisl: “Un fatto grave che ci addolora la morte sul lavoro di due operai a San Pio delle Camere. L’ennesima tragedia che chiama in causa la mancanza di prevenzione e l’insufficienza dei controlli. Senza sicurezza non c’è dignità“.

Il nuovo segretario del sindacato nei prossimi giorni potrebbe incontrare il premier Draghi e chiedere una maggiore attenzione al mondo del lavoro per evitare altre morti bianche in Italia.


Coronavirus, è morto il fotografo Giovanni Gastel

Coronavirus, da Roma a Milano: parrucchieri e ristoranti sold out