Incidente sul lavoro in provincia di Pisa. Un uomo di 33 anni è morto dopo essere stato schiacciato da un albero che stava tagliando.

GHIZZANO (PISA) – Ennesima morte bianca in Italia. L’ultimo incidente sul lavoro è avvenuto a Ghizzano, in provincia di Pisa, dove un uomo di 33 anni è morto dopo essere stato schiacciato da un albero che stava tagliando. Secondo quanto riferito da La Repubblica, l’agricoltore dipendente era impegnato in un agriturismo quando ha perso la vita.

Immediata la chiamata ai soccorsi, ma il personale sanitario non ha potuto fare altro che constatare il decesso. E’ stata aperta un’indagine per accertare meglio quanto successo e provare a ricostruire la dinamica della tragedia. Da capire anche se sono state rispettate tutte le regole di sicurezza.

Emergenza incidenti sul lavoro in Toscana

In Toscana è emergenza per gli incidenti sul lavoro. Questo avvenuto nel Pisano è il quinto in una settimana e il numero sembra essere destinato ad aumentare nei prossimi giorni.

Un bilancio che si aggrava quotidianamente e per questo motivo i sindacati da tempo sono in pressing sul Governo per provare a cambiare le leggi e rendere più sicuro il posto di lavoro. Il confronto è iniziato ormai da tempo, ma ancora non si è riusciti ad arrivare ad un accordo.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

Ambulanza
Ambulanza

Il confronto Governo-sindacati

Ammortizzatori sociali e incidenti sul lavoro. Sono questi i due temi sul tavolo del confronto tra Governo e sindacati, ma ad oggi non si è ancora arrivati ad un accordo. In particolare, sul secondo argomento le sigle sindacali chiedono dei controlli più frequenti e soprattutto condanne più dure nei confronti degli imprenditori che non rispettano le regole di sicurezza. Ma serve accelerare per consentire di mettere definitivamente fine a tutte queste tragedie che nelle ultime settimane stanno diventando quotidiane.


Zingaretti: “Il Lazio parte con la terza dose”

Papa Francesco in Slovacchia dopo la tappa a Budapest. Il Pontefice ai vescovi e al clero: “Omelie non più di 10 minuti o il fedele si perde”