Incidente sul lavoro a Orta Nova, in provincia di Foggia. Un operaio è morto dopo essere caduto da un’impalcatura nel cimitero.

ORTA NOVA (FOGGIA) – Incidente sul lavoro a Orta Nova, in provincia di Foggia, nelle prime ore di venerdì 27 maggio 2021. Un operaio di 60 anni ha perso la vita cadendo da una impalcatura durante dei lavori di una manutenzione ad una cappella del cimitero.

Secondo quanto raccontato da La Repubblica, la vittima è precipitata per circa quattro metri e i soccorsi non hanno potuto fare altro che constatare il decesso. E’ stata aperta un’indagine per accertare l’accaduto e capire se si è trattato di un fatale incidente o non sono state rispettate le norme di sicurezza.

I sindacati: “La strage continua”

L’ennesima tragedia sul lavoro è stata commentata in modo molto duro dai sindacati con una nota citata dal quotidiano nazionale: “Ancora un morto sul lavoro. Ci tocca ancora aggiornare questo terribile elenco che già registra 1.400 morti all’anno in Italia e in Puglia nei primi tre mesi del 2021 abbiamo avuto 13 casi mortali“.

La strage continua – si legge ancora – nonostante i proclami e gli slogan. Noi continuiamo a registrare sistematiche violazioni di ogni standard di sicurezza sui luoghi di lavoro. Per questo, nell’esprimere solidarietà e cordoglio alla famiglia dell’operaio deceduto, preannunciamo una richiesta di confronto urgente con il prefetto“.

Ambulanza
Db Milano 07/10/2009 – Ospedale Niguarda / foto Daniele Buffa/Image nella foto: ospedale Niguarda ambulanza

Il bilancio si aggrava

Il bilancio sulle morti bianche continua ad aggravarsi giorno dopo giorno. L’ultima tragedia a Orta Nova, ma nella giornata precedente un operaio trentenne è morto dopo essere stato schiacciato da un carrello nel porto di Salerno. Serve un intervento urgente da parte del Governo per mettere fine a queste tragedie e consentire alle persone di andare sul luogo di lavoro in sicurezza. Il dialogo con i sindacati è continuo e presto ci potrebbero essere importanti novità su un tema sicuramente molto delicato.


Italia condannata dalla Corte europea dei diritti umani: “Nella sentenza su un stupro di gruppo presenti pregiudizi sulle donne”

Tre Regioni in zona bianca dalla prossima settimana