Incidenti in montagna in Piemonte. Due escursionisti sono stati trovati morti in Valle Gesso e sul Pian della Mussa.

TORINO – Ancora incidenti in montagna in Piemonte. Nella giornata di venerdì 3 settembre due escursionisti sono stati senza vita in Valle Gesso e sul Pian della Mussa. Le vittime, come scritto da La Repubblica, risultavano dispersi da alcuni giorni e per loro non c’è stato niente da fare.

Tragedie che aumentano il bilancio delle morti in montagna e, per questo motivo, gli esperti continuano a raccomandare la massima attenzione per non rischiare altre vicende simili.

Escursionista morto sulle montagne della Valle Gesso

Il primo incidente è avvenuto sulla Valle Gesso. L’escursionista argentino, secondo le prime informazioni, era partito con due amici nella giornata di mercoledì 1 settembre. I tre si sono divisi al bivacco di Moncalieri per poi ritrovarsi al rifugio, ma purtroppo uno di loro non è mai arrivato.

L’allarme è stato lanciato subito e i soccorritori si sono messi subito al lavoro per cercare di trovare il 37enne. Le ricerche sono terminate solo 48 ore dopo quando il corpo senza vita è stato rinvenuto in zona Gorgia Argentina. Si attendono i primi accertamenti medici per provare a ricostruire meglio quanto successo e capire i motivi del decesso.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Ambulanza Soccorso Alpino
Ambulanza Soccorso Alpino

Un decesso anche nella zona del Pian della Mussa

Il secondo decesso è avvenuto nella zona del Pian della Mussa. La vittima era atteso al Rifugio Gastaldi dove non è mai arrivato. Alcuni testimonianze lo avevano visto nelle vicinanze, ma poco dopo si sono perse le tracce. Le ricerche sono andate avanti per tutta la notte senza esito e non si sono mai fermate.

Il corpo senza vita è stato rinvenuto qualche ora dopo e sono in corso tutti gli approfondimenti del caso per accertare meglio quanto successo e ricostruire la dinamica dell’incidente.

ultimo aggiornamento: 03-09-2021


Scuola, i presidi: “Rischio emarginazione per i ragazzi non vaccinati”

Afghanistan, l’appello del bambino a Leo Messi: “Ti prego, salvami da questa situazione”