Incidente sul lavoro in provincia di Udine. Un ragazzo di 18 anni è morto dopo essere stato colpito da una barra metallica.

UDINE – Grave incidente sul lavoro in provincia di Udinese nel pomeriggio di venerdì 21 gennaio 2022. Come riportato da Il Messaggero Veneto, un ragazzo di 18 anni ha perso la vita in una azienda durante il suo ultimo giorno di scuola-lavoro. Il giovane, dalle prime informazioni, è stato colpito da una barra metallica.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Incidente sul lavoro in provincia di Udine, morto un ragazzo di 18 anni

La ricostruzione di quanto successo è ancora al vaglio degli inquirenti. Dalle prime informazioni, il giovane si trovava in questa azienda per il suo ultimo giorno di stage quando, per motivi ancora da accertare, è stato colpito da una barra metallica. Immediata la chiamata ai soccorsi, ma il personale medico non ha potuto fare altro che constatare il decesso. Sul caso è stata aperta un’indagine per ricostruire la dinamica di questo incidente.

Ambulanza
Ambulanza

L’indagine: indagato il datore

Gli inquirenti hanno ascoltato i colleghi del 18enne e stanno effettuando tutti gli approfondimenti del caso per provare a ricostruire le cause dell’incidente.

Come riferito dall’Ansa, la Procura ha aperto un procedimento a carico del legale rappresentante, come datore di lavoro. L’ipotesi è quella di omicidio colposo.

Nel corso delle indagini si procederà con gli accertamenti e con le analisi tecniche per provare a ricostruire l’esatta dinamica dell’accaduto. Nel corso dell’attività investigativa sarà accertato se dietro alla morte del giovane ci siano responsabilità e di che tipo. Si valuta inoltre l’applicazione delle norme sulla sicurezza sul lavoro.

Governo pronto a rivedere le regole

Il Governo si è detto pronto a rivedere le regole. “Con il ministro Bianchi – ha detto Orlando citato dall’Ansastiamo lavorando per rivedere tutte le fasi in cui i ragazzi vanno sul luogo di lavoro e pensiamo ad una sorte di certificazione ulteriore“.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 02-02-2022


Processo Aemilia, confermata in secondo grado la condanna a due anni per Vincenzo Iaquinta. Sequestrati 10 milioni al padre

Covid, dal Green Pass alla zona Rossa passando per le mascherine: le regole e le riaperture dopo l’ultimo decreto