Incontro tra Di Maio e Blinken a Washington. Il ministro italiano: “Abbiamo concordato di accelerare la campagna vaccinale”.

WASHINGTON (STATI UNITI) – Incontro tra Luigi Di Maio e Anthony Blinken a Washington. Nel primo giorno negli Stati Uniti il ministro degli Esteri ha avuto un bilaterale con il segretario di Stato Usa. Un vertice con diversi temi sul tavolo.

Di Maio: “Stiamo pensando a un inviato speciale per il clima”

Subito dopo l’incontro con Anthony Blinken, Luigi Di Maio ha incontrato la stampa. “Con il segretario di Stato Usa abbiamo concordato sulla necessità di accelerare insieme la campagna vaccinale, di organizzarci meglio come Occidente anche per fronteggiare la geopolitica dei vaccini del quadrante occidentale – ha detto il ministro degli Esteri, riportato da RaiNewssulla Libia si prefigura una forte collaborazione tra i due Paesi. Con Blinken abbiamo passato in rassegna i prossimi passi per un maggior coinvolgimento degli Stati Uniti“.

Un passaggio anche sul clima per Di Maio: “Stiamo pensando anche noi a un inviato speciale per il clima […]. Ho molto apprezzato la presenza dell’inviato speciale per il Clima, John Kerry, per tutto il colloquio con Blinken. Abbiamo parlato con la leadership italiana nel 2021, tra presidenza del G20, co-presidenza della Cop26 per il clima, concordiamo sul fatto che più investimenti nelle politiche green significa più posti di lavoro per i nostri cittadini […]“.

LUIGI DI MAIO
LUIGI DI MAIO

Blinken: “La leadership dell’Italia è cruciale”

Il segretario di Stato Usa, Anthony Blinken, ha assicurato a Di Maio che “la voce e la leadership dell’Italia è cruciale in tutti i dossier condivisi: dalla pandemia alla Libia“.

Un primo incontro rafforzare il rapporto tra Stati Uniti e Italia in un periodo molto complicato per la pandemia. E il premier Draghi nei prossimi giorni potrebbe avere un colloquio con il presidente Biden per poter chiedere una maggiore disponibilità da parte degli Usa nei vaccini.


Sofagate, von der Leyen a Michel: “Mai più episodi simili”

L’Italia è allo stremo. Draghi spinge per le riaperture, il Cts al lavoro su protocolli meno stringenti