Nuovo incontro tra Draghi e Salvini a Palazzo Chigi. Un vertice di un’ora per fare il punto della situazione.

ROMA – Incontro di un’ora tra Mario Draghi e Matteo Salvini a Palazzo Chigi. Il presidente del Consiglio ha accolto la richiesta avanzata dal leader della Lega e il vertice è avvenuto nel pomeriggio di mercoledì 13 ottobre. Diversi, come riferito dalla Carroccio citata dal Corriere della Sera, gli argomenti affrontati e da parte del numero uno di via Bellerio è stata espressa preoccupazione per quanto sta avvenendo in Italia.

Il vertice tra Draghi e Salvini

Un vertice che è servito a fare il punto della situazione e condividere le prossime mosse da mettere in campo. Da Palazzo Chigi hanno ribadito che nell’incontro si è parlato di legge di Bilancio e decreto fiscale, ma la Lega ha fatto sapere che si è discusso anche di attualità.

Il partito di via Bellerio si è detto molto preoccupato per quanto sta succedendo in questo momento e proprio Salvini ha presentato una proposta di pacificazione nazionale firmata dal Centrodestra. Nei prossimi giorni non si esclude una riunione di maggioranza per fare il punto della situazione e capire se procedere con lo scioglimento di Forza Nuova oppure prendere altre decisione.

Matteo Salvini
Matteo Salvini

Clima teso in Italia

Incontro avvenuto in un clima teso in Italia. Il Green Pass, come era prevedibile, ha provocato proteste in tutto il Paese e il 15 ottobre potrebbe essere davvero un giorno nero per la nostra Penisola. Una situazione destinata a degenerare in caso di conferma di linea da parte di Draghi anche dal punto di vista economico.

Per questo motivo da parte di Salvini la proposta di mettere in campo una pacificazione nazionale. Toccherà al presidente del Consiglio valutarla e decidere se presentarla al resto della maggioranza oppure continuare per la strada indicata dal Pd.

ultimo aggiornamento: 13-10-2021


Scontri a Roma, Lamorgese: “Rischioso intervenire in piazza contro Castellino”. Meloni, “Risposta offensiva”

Parità salariale, via libera della Camera. Il testo passa al Senato