Vertice tra il ministro Orlando e le parti sociali sul lavoro. Obiettivo semplificare i flussi informativi per la Cig.

ROMA – Nuovo vertice tra il ministro Orlando e le parti sociali sul lavoro. Dopo i primi incontri dopo il suo insediamento, il titolare del Dicastero ha incontrato i sindacati per intraprendere un lungo percorso destinato a durare per diverse settimane.

Sono in programma, infatti, altri incontri per semplificare le delle procedure e proseguire la strada intrapresa subito dopo l’insediamento del numero 2 del Partito Democratico.

Orlando: “Semplificare le procedure per la Cig”

Il ministro Orlando ha rassicurato i sindacati sull’intenzione del governo di semplificare le procedure “di attivazione e gestione degli ammortizzatori sociali. L’incontro odierno è il primo punto di una road map tracciata nei giorni scorsi che è quello sulla semplificazione delle procedure a stretto giro si procederà su tutti gli altri punti“.

L’intenzione del Ministero del Lavoro – si legge sul documento presentato da Orlando e riportato da La Repubblicaè quella di prevedere nel prossimo decreto ristori ulteriori automazioni dei processi di trasmissione dei dati di pagamento della cassa integrazione con l’obiettivo di ridurre ulteriormente i tempi di pagamento della cassa integrazione guadagni“.

Andrea Orlando
Andrea Orlando

Allarmi di Confesercenti e Fipe

L’incontro è andato in scena nel giorno degli ultimi allarmi lanciati da Confesercenti e Fipe. Il primo ente ha parlato di una diminuzione dei redditi di circa 1.600 euro a famiglia e il ritardo dei ristori ha gettato gli italiani in una situazione di sconcerto e fiducia.

Una situazione critica anche per gli stessi ristoranti. Il calo nel quarto trimestre del 2020 è di oltre 11,1 miliardi di euro con un calo del 44,3% rispetto allo stesso periodo del 2019. Difficile una ripresa in questo primo trimestre, anche se i dati potrebbero essere leggermente migliore rispetto al 2020 per il lockdown. Anche se la situazione continua ad essere molto critica.


Alitalia, incontro tra il premier Draghi e i ministri

L’allarme della Coldiretti: “L’estate senza stranieri costa all’Italia 11,2 miliardi”