I tifosi del Milan a Donnarumma: firma il rinnovo o con la Juventus non giocare. Il portiere: “Voglio restare, deciderò io”.

In casa Milan tiene banco il caso Donnarumma, con i tifosi che hanno incontrato il portiere del Milan per chiedere chiarimenti sul suo futuro. E stando a quanto riferito da Sky Sport sembra che i sostenitori rossoneri abbiano chiesto a Gigio di non scendere in campo contro la Juve se prima non avrà firmato il rinnovo di contratto con il Milan.

Milan, faccia a faccia tra i tifosi e Donnarumma: firma il rinnovo o con la Juve non giocare

Secondo la ricostruzione fornita da Sky Sport, una delegazione di tifosi del Milan ha raggiunto il Centro Sportivo chiedendo di poter parlare con Donnarumma, che in un primo momento si sarebbe rifiutato per motivi di assembramento. L’estremo difensore avrebbe poi accettato di confrontarsi con i supporter che gli hanno chiesto chiarimenti sul futuro e gli hanno chiesto di non scendere in campo contro la Juve se prima non avrà concluso positivamente la trattativa per il rinnovo di contratto con i rossoneri.

Donnarumma avrebbe confermato la sua volontà di rimanere al Milan e ha assicurato che la decisione sarà presa da lui e dal club, senza interferenze esterne.

Gianluigi Donnarumma Milan
Gianluigi Donnarumma

Le voci di mercato sul passaggio alla Juventus

La richiesta nasce dal fatto che nelle ultime settimane si è parlato con insistenza di un passaggio di Donnarumma proprio alla Juventus. Indiscrezioni di mercato che al momento non hanno trovato conferme ufficiali. Ovviamente.

Milan, la trattativa per il rinnovo di Donnarumma

Al momento la trattativa per il rinnovo con il Milan è in alto mare. C’è ancora una considerevole distanza tra la domanda e l’offerta. Raiola chiede 12 milioni, il club offre una cifra alta ma considerevolmente inferiore alla richiesta.

TAG:
calcio news milan

ultimo aggiornamento: 02-05-2021


2 maggio 2016, il Leicester di Ranieri vince la Premier League

Inter campione d’Italia, migliaia di tifosi in strada. Saltano le norme anti-Covid, si teme maxi-focolaio