Indagini in corso su due incidenti in ‘Alpyland’, il bob su rotelle gestito da Nerini. Tra il 2017 e il 2019 feriti un dipendente e un passeggero.

VERBANIA – Indagini in corso su due incidenti in Alpyland. Come riferito da La Repubblica, la Procura di Verbania ha aperto un fascicolo per i due episodi avvenuti nel 2017 e nel 2019 e che hanno portato al ferimento di un dipendente e di un passeggero.

L’impianto, una pista di bob su rotaia, è gestito da Luigi Nerini e collega la cima del Mottarone alla stagione superiore d’arrivo della funivia crollata. Anche in questo caso il reato ipotizzato è quella di omicidio colposo.

Non c’è nessun nesso tra i due incidenti in questione, oggetto di indagine, e la tragedia della funivia del Mottarone.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Il ruolo di Nerini

Gli inquirenti provano quindi a fare luce sul ruolo di Nerini. In un primo momento la procura di Verbania aveva chiesto la custodia cautelare nei confronti dell’imprenditore. “L’uomo – la posizione dell’accusa – aveva manifestato insofferenza ad uno scrupoloso rispetto delle misure di sicurezza volte a tutelare l’incolumità degli utenti di tale genere di impianti“.

Una richiesta che è stata rigettata dal gip. Le indagini, comunque, continueranno nelle prossime settimane e la posizione di Nerini potrebbe aggravarsi con l’indagine sugli incidenti in Alpyland. I punti da chiarire sono diversi e presto ci potrebbero essere importanti novità.

Carabinieri
Carabinieri

La polemica tra Tadini e i magistrati

Indagini e polemiche che non si fermano. L’ultima discussione riguarda Gabriele Tadini e i magistrati. L’avvocato di uno degli indagati ha confermato il divieto della Procura a fare una ricognizione in quella zona. “Noi ci andremo lo stesso – la posizione del legale – e vedremo cosa potremo fare. Ma sono molto risentito“.

Gli approfondimenti sono in corso e nelle prossime settimane ci potrebbero essere importanti novità. Gli inquirenti preferiscono mantenere il massimo riserbo perché si tratta di questioni molto delicate. E non si escludono l’iscrizione sul registro degli indagati di altre persone.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 03-06-2021


Covid, Arturo Vidal ricoverato in Cile. Quarantena violata? Le autorità sanitarie chiedono l’apertura di un’indagine

Migranti, naufragio al largo della Tunisia: ci sono morti