Roma, concluse le indagini sui cantieri della Metro C: Alemanno a rischio processo

Si sono concluse le indagini sui cantieri della Metro C. La Procura ha scritto sul registro degli indagati i nomi di 25 persone, tra cui l’ex sindaco di Roma, Gianni Alemanno.

ROMA – Sono terminate le indagini della Procura di Roma sui cantieri della Metro C. Gli inquirenti hanno scritto sul registro degli indagati il nome di 25 persone tra cui l’ex sindaco della Capitale, Gianni Alemanno. Il politico si è difeso parlando su Facebook di “accuse prive di fondamento, ho chiesto di essere ascoltato dai giudici“.

Fonte foto: https://www.facebook.com/guardiadifinanzaindivisa/photos/

Le persone nel mirino degli investigatori potrebbero essere portati al processo per reati di truffa (si parla di circa 320 milioni di euro), corruzioni e falso.

L’inchiesta è partita nel lontano 2013 e si è concentrata su due eventi particolari dopo una nota del collegio sindacale. Il primo riguarda un accordo attraverso il quale CIPE, Stato, Regione e Comune hanno pagato 230 milioni di euro per proseguire i lavori, soldi che, stando agli inquirenti, non erano dovuti. Una cosa molto simile è successa anche nell’anno dell’inizio delle indagini, quando sono stati stanziati 90 milioni anche se quel denaro non è mai stato erogato.

Roma, concluse le indagini sulla Metro C: dubbi anche sulla stazione di San Giovanni

Nel mirino degli inquirenti è finita anche la stazione metro di San Giovanni, che è stata inaugurata qualche mese fa. La Procura ha visionato con molta attenzione anche i ritardi e i costi extra che ci sono stati dal 2007 per completare una delle fermate più importanti della Metro C.

I due p.m. che stanno coadiuvando l’indagine hanno aperto un fascicolo anche per la corruzione, legata ad alcune assunzioni di figli a parenti di funzionari pubblici.

Di seguito il post di Gianni Alemanno pubblicato sul proprio profilo Facebook

fonte foto copertina https://www.facebook.com/radiocolonna.it/

ultimo aggiornamento: 19-07-2018

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X