Chiuse le indagini sui presunti ‘esami facili’ all’università Link Campus. Tra gli indagati l’ex ministro Scotti.

FIRENZE – La Procura di Firenze ha chiuso le indagini sui presunti ‘esami facili’ all’università Link Campus. Al termine degli accertamenti i magistrati hanno emesso una notifica per 71 persone che sono accusate a vario titolo per associazione a delinquere e falso.

Tra gli indagati anche l’ex ministro e presidente della scuola Vincenzo Scotti che rilasciava lauree riconosciute dallo Stato. Ma anche docenti, ricercatori, studenti, il rettore Claudio Roveda e il direttore generale Pasquale Russo.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

L’indagine

L’indagine è scattata nei mesi scorsi con gli inquirenti che hanno effettuato tutti gli approfondimenti del caso. Secondo la Procura di Firenze, i vertici sarebbero stati promotori di una lunga serie di falsi.

Gli accertamenti hanno portato alla luce, per esempio, una corsia preferenziale per gli studenti poliziotto e appartenenti al sindacato Siulp. Gli iscritti riuscivano a conoscere in anticipo le domande e saltare gli anni di studi grazie ad una tesina di poche pagine che gli serviva a testimoniare di aver preso parte a lezioni che, in realtà, non hanno mai visto la loro presenza. Una vicenda che sembra essere arrivata alla conclusione con la Procura che ha chiuso le indagini.

Tribunale di Milano
fonte foto https://www.facebook.com/francesco.nicastro

La posizione degli indagati

Nelle prossime settimane il gip ascolterà gli indagati per chiarire le loro posizioni e valuterà la possibilità di assolvere le persone oppure mandare al processo.

Una vicenda che potrebbe fare chiarezza sulla questione degli ‘esami facili’ all’università Link Campus con tra gli altri coinvolti anche l’ex ministro Vincenzo Scotti. Tra le persone indagate anche gli studenti che hanno usufruito della loro iscrizione ad un sindacato di polizia per avere degli aiuti sugli esami con un percorso semplificato fino alla laurea. E presto ci potrebbero essere importanti novità su questa vicenda.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/francesco.nicastro

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 14-05-2020


Carpi, uccide il figlio e poi si toglie la vita

Infermieri di territorio, terapia intensiva e ambulanze Covid, come cambia la sanità con il dl Rilancio