Proseguono le indagini per gli omicidi effettuati dal Mostro di Firenze. Nuovo sopralluogo nel luogo dell’ultima uccisione.

FIRENZE – Le indagini per gli omicidi compiuti dal Mostro di Firenze continuano. Come riportato dall’Ansa, la scientifica ha effettuato un sopralluogo nel luogo dove sono morte le ultime persone, precisamente Nadine Mauriot e Jean Michel Kraveichli. I corpi senza vita sono stati rinvenuti il 9 settembre 1985 e questi controlli sono serviti per riuscire a ricostruire meglio lo scenario grazie all’aiuto di mezzi ad alta previsione tecnologica.

Nei prossimi giorni saranno effettuati ulteriori approfondimenti. Resta il massimo riserbo da parte degli inquirenti sugli approfondimenti. Si spera di poter avere informazioni importanti già da questi primi rilievi, ma molto probabilmente si continuerà anche in futuro sugli altri luoghi degli omicidi.

La ricostruzione topografica della zona

Come scritto dall’Ansa, l’obiettivo delle forze dell’ordine è quello di una ricostruzione topografia della zona. I corpi delle due persone uccise dal mostro di Firenze sono stati rinvenuti da un cercatore di funghi ed è la prima volta che gli investigatori hanno deciso di andare oltre il bosco.

I punti da chiarire sono ancora diversi e per questo motivo si preferisce mantenere il massimo riserbo almeno fino a quando non si hanno altre informazioni su quanto successo.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

Auto polizia
Auto polizia

Analisi anche sugli altri luoghi degli omicidi?

Le analisi potrebbero essere effettuate anche sugli altri luoghi dell’omicidio. Al momento non si hanno informazioni certe, ma gli inquirenti potrebbero decidere di utilizzare i mezzi ad alta previsione tecnologica per cercare di avere una topografie di tutte le zone dove ha agito il Mostro di Firenze.

Si tratta di approfondimenti destinati a dare delle informazioni fondamentali alle indagini anche se gli inquirenti preferiscono non sbilanciarsi e aspettare i risultati di questi accertamenti. Le indagini proseguono e presto ci potrebbero essere importanti novità.


“Il Green Pass non vìola i diritti dell’uomo”

Covid in Gran Bretgna, il premier Johnson annuncia la ‘campagna d’inverno’