Omicidio Duccio Dini, scarcerati tre rom. Solo uno resta in carcere

L’omicidio di Duccio Dini resta ancora impunito. Tre dei quattro rom accusati di aver investito il giovane toscano sono stati scarcerati.

FIRENZE – Una nuova possibile falla nella giustizia italiana. Nella giornata di venerdì 1° febbraio 2019 sono stati scarcerati tre dei quattro rom in prigione, accusati di omicidio volontario per aver travolto il giovane Duccio Dini durante un inseguimento con altri connazionali. La decisione dei giudici è destinata a fare discutere visto che di questa vicenda a pagare in carcere sembra essere solo il più anziano del gruppo.

Gli altri sono riusciti ad ottenere la custodia cautelare ai domiciliari. Sette mesi per un omicidio che resta ancora impunito come dichiara anche il sindaco di Firenze, Dario Nardella: “Siamo sorpresi e amareggiati – riporta TGCOM24 per la scarcerazione degli indagati. Se ciò è dipeso dalla legge, allora una norma del genere deve essere cambiata“.

atto_ingiuntivo
fonte foto https://pixabay.com/it/martello-libri-legge-tribunale-620011/

Omicidio Duccio Dini, scarcerati tre dei quattro rom finiti in cella

La vicenda risale al 10 giugno del 2018 quando in un inseguimento per un regolamento dei conti ad avere la peggio è stato proprio il giovane toscano. Duccio Dini era in sella al suo motorino quando improvvisamente si è visto travolto da una delle due auto. Immediati i soccorsi ma per il giovane ormai non c’era più niente da fare.

Sono stati giorni di tensione in tutta la Toscana con diverse persone che si sono presentati davanti al campo Rom per chiedere lo sgombero di questa struttura. Alla fine dopo sette mesi e in attesa di un processo l’omicidio rimane impunito. Inizialmente il magistrato aveva confermato la custodia cautelare in carcere di quattro delle sei persone coinvolte in questo incidente ma ora la situazione è cambiata. La Procura dà il via libera alla scarcerazione di tre persone con solo il più grande del gruppo che rimane in cella, almeno per il momento.

fonte foto copertina pixabay.com/it/giudice-martello-sentenza-corte-1587300/

ultimo aggiornamento: 01-02-2019

X