Carabiniere ucciso nel Foggiano, il killer era in attesa del processo

L’omicidio di Cagnano Varano (Foggia) poteva essere evitato. Il killer era stato condannato in primo grado e in attesa del secondo.

CAGNANO VARANO (FOGGIA) – Le indagini sulla sparatoria di Cagnano Varano continuano. Secondo il procuratore l’omicidio del maresciallo non ha “nessuna motivazione specifica” ma è nato dopo aver subito due controlli negli ultimi giorni.

Era in strada – ha spiegato in conferenza stampa il titolare delle indagini riportato dal sito di Repubblica e ha chiamato i carabinieri. Non appena il militare ha abbassato il finestrino, lui ha sparato fermandosi solo quando il caricatore era vuoto. Voleva impossessarsi delle pistole“.

Ma l’omicidio – secondo le ultime indiscrezioni – poteva essere evitato. Il killer, infatti, era stato condannato in primo grado per lesioni e droga ma si trovava a piede libero in attesa del processo in appello.

Carabinieri
fonte foto https://www.facebook.com/carabinieri.it/

Sparatoria Cagnano Varano, escluso il legame con la mafia: “Si tratta di un gesto sconsiderato”

Poco dopo la sparatoria si era parlato anche di un possibile collegamento con la mafia. Ipotesi immediatamente smentita dal procuratore: “Si tratta – precisa – di un gesto sconsiderato di una persona. Ma la criminalità in questo territorio ha assunto un livello di aggressività enorme. Questa persona ha aggredito lo Stato che voleva controllarlo“.

Nelle dichiarazioni del procuratore c’è anche la ricostruzione di quanto successo sabato mattina: “L’assassino ha avvicinato i carabinieri che transitavano in strada. Quando il militare ha abbassato il finestrino, lui ha aperto il fuoco su di loro e si è fermato solo quando il caricatore non aveva più colpi. Si è aggrappato al finestrino urlando e tentanto di rubare l’arma ai due agenti ma fortunatamente la persona ferita è riuscita a mettere in moto la macchina facendo cadere l’aggressore in curva, fermato subito dopo“. Una vicenda che potrebbe avere dei risvolti nei prossimi giorni con le indagini che non si fermano.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/carabinieri.it

ultimo aggiornamento: 15-04-2019

X