Bimbo di sette anni ucciso a Cardito, nuovi dettagli nel corso delle indagini. Arrestata anche la mamma del piccolo.

Continuano le indagini sulla morte del bimbo di sette anni morto a Cardito. Il bimbo è stato picchiato a morte dal compagno della madre, che ha ferito anche la sorella del piccolo, una bambina di otto anni.

Dopo la confessione da parte del giovane, che si è detto distrutto per quanto accaduto, continuano ad emergere dettagli su quanto accadeva in quella casa di Cardito, dove il ventiquattrenne, ritenuto responsabile della morte di Giuseppe, avrebbe picchiato in diverse occasioni i due bambini e la sua compagna.

A settimane di distanza dalla tragica morte del bambino, le autorità hanno arrestato anche la mamma del piccolo.

Carabinieri
fonte foto https://www.facebook.com/carabinieri.it/

Bambino ucciso a Cardito, arrestata la madre

Stando a quanto emerso nel corso delle indagini, la mamma del piccolo, a differenza di quanto riferito dalla donna, avrebbe assistito al pestaggio senza intervenire. La donna è quindi indiziata dei reati di omicidio aggravato dai futili motivi, dalla crudeltà e dall’abuso delle relazioni domestiche.

La posizione della madre: non avrebbe chiamato i soccorsi perché sotto shock

Figura chiave nella vicenda sarebbe la madre dei piccoli, sentita dagli inquirenti ma come persona informata dei fatti.

Gli inquirenti vogliono capire come mai non abbia chiamato i soccorsi e la spiegazione della donna sembra terribilmente credibile. Dopo essere intervenuta in difesa dei suoi figli, è stata allontanata, forse anche colpita. Lei avrebbe riferito di essere stata morsa sulla spalla.

Poi la furia e le percosse ai due piccoli, picchiati anche con il manico di una scopa.

A quel punto sarebbe rimasta immobilizzata per lo shock, per la scena orribile davanti ai suoi occhi.

Carabinieri
Fonte foto: https://www.facebook.com/carabinieri.it

Bambino di sette anni ucciso a Cardito: ci sarebbero stati altri casi di violenza sui bambini e sulla madre dei piccoli

Stando alle indiscrezioni emerse dopo i primi interrogatori, sembra che il ventiquattrenne avrebbe picchiato i bambini in diversi occasioni. Ma non solo.

Tony si sarebbe scagliato in diverse occasioni anche contro la sua compagna che avrebbe preso a schiaffi, cui avrebbe addirittura sputato in faccia e tirato i capelli. Sembra che il giovane si scagliasse contro la donna quando questa provava a difendere i suoi figli.

Nonostante i ripetuti episodi di violenza, la donna non ha mai denunciato il suo compagno.


Roma, auto cade dal viadotto della Magliana

Milano, biglietto Atm sale a due euro: cosa cambia