L’indice di contagio del coronavirus in Germania è risalito a 1,1. Istituto Koch: “Attenzione ai prossimi giorni”.

BERLINO (GERMANIA) – L’indice di contagio del coronavirus in Germania è risalito a 1,1. L’annuncio è stato dato dall’Istituto Koch che vuole capire se si è trattato di un episodio isolato oppure l’epidemia ha ripreso a circolare a livelli più alti del previsto.

L’aumento stimato – precisano gli esperti tedeschi – rende necessario esaminare gli sviluppi molto attentamente nei prossimi giorni“.

I focolai nei mattatoi

L’aumento dei contagi potrebbe essere strettamente legato ai focolai che si sono sviluppati nei mattatoi. A Coesfeld il numero ha superato il limite di 50 ma nel mirino ci sono anche altre che fabbriche che potrebbero far risalire il numero dei casi nella Nazione.

Le autorità sanitarie hanno ribadito come si dovrà aspettare qualche giorno per capire se questa improvvisa risalita è dovuta ai focolai che registrati tra i lavoratori oppure sono gli effetti dell’allentamento delle misure. E la paura di un nuovo lockdown è molto alto in Germania con la situazione che è seguita attentamente anche dagli altri Stati.

Coronavirus

La ‘fase 2’ nel Regno Unito

Lockdown allungato nel Regno Unito con le scuole e i negozi che non riapriranno prima di giugno. Un pugno duro da parte di Johnson visto che i numeri continuano ad essere molto alti in tutta la nazione.

Il primo passo verso il livello 3 – ha detto il premier britannico nel messaggio ai cittadini – è un cambiamento di atteggiamento che speriamo sarà adottato. Dicevamo che dovreste lavorare da casa, se potete, e andare a lavorare soltanto se dovete proprio farlo. Ora affermiamo che chiunque non può lavorare da casa, per esempio persone nel settore edilizio e manifatturiero, dovrebbero essere incoraggiate ad andare a lavorare. Abbiamo evitato la catastrofe, ora necessario stare in allerta e agire con cautela“.


Esplosione a Fino Mornasco, morto un ragazzo di 20 anni

Terremoto a Roma, scossa di magnitudo 3.3 nella Capitale