Giuseppe Conte torna in Parlamento in occasione dell’informativa sul dpcm del 24 ottobre.

Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte torna alla Camera per illustrare le misure adottate con il dpcm del 24 ottobre. Il Premier ha voluto evidenziare quelle che sono le evidenze e le ragioni scientifiche che hanno spinto il governo a dare una stretta su attività che rappresentano un’occasione di assembramento e/o relazioni sociali.

Di seguito il video dei lavori alla Camera

Emergenza coronavirus, informativa di Conte: “L’indice Rt ha raggiunto una soglia critica”

L’indice Rt ha raggiunto una soglia critica, risulta difficoltoso tracciare le catene di trasmissione. Il quadro epidemiologico sta comportando una pressione severa sul servizio sanitario […]. Deriva la necessità di adottare misure per mitigare la curva di crescita del contagio per alleviare il carico sul servizio sanitario“, ha esordito il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

Non abbiamo mai affermato di essere fuori dal pericolo“, ha puntualizzato Conte. “Notevole stato lo sforzo per potenziare l’organizzazione del servizio sanitario“.

Giuseppe Conte
Giuseppe Conte

Emergenza coronavirus in Italia, Conte: Abbiamo scelto di intervenire su attività che potrebbero favorire assembramenti

Conte ha poi fatto il punto sulla situazione epidemiologica in Italia ribadendo che il Paese si trova nel terzo scenario dello studio Iss sulla prevenzione e risposta al Covid-19.

“Con le misure del 24 ottobre abbiamo scelto di intervenire su ambiti che potrebbero favorire, direttamente o indirettamente, assembramenti. E le misure introdotte si basano sulla valutazione dei nostri esperti. L’ISS, insieme a vari altri organismi, ha reso pubblico il documento Prevenzione in risposta al Covid-19. In quel documento sono rappresentate le specifiche e diverse modulazioni delle misure da adottare. Allo stato siamo nello scenario di tipo 3 descritto nello studio in questione. Lo studio prevede di adottare le misure adottate dal governo”.

“Ristorazione serale, teatri, cinema e sale concerto e sport e piscine sono le tre macro-attività più colpite dall’ultimo decreto”, ha ricordato il Presidente del Consiglio.

La scelta di sospendere o ridurre le attività non deriva dal mancato rispetto dalle misure di sicurezza […]. Se siamo stati costretti a una scelta così radicale, la scelta è legata solo alla necessità di ridurre le occasioni di socialità e relazioni”, ha puntualizzato il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte durante la sua informativa alla Camera. “Si tratta di attività pur sempre legate al benessere della persona. La scelta discende esclusivamente dalla necessità fondata su evidenze scientifiche di diradare i contatti sociali e le interazioni tra le persone”.

Il decreto Ristori

Nella parte conclusiva del suo intervento, il Presidente del Consiglio ha fatto nuovamente il punto sul decreto Ristori, illustrando le misure adottate dal governo.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
coronavirus Giuseppe Conte politica primo piano Ultima Ora

ultimo aggiornamento: 29-10-2020


Salvini: “Un nuovo lockdown sarebbe la sconfitta dell’Italia”

Elezioni Usa 2000: George W. Bush batte Al Gore per una manciata di voti grazie alla Florida