Ingannata dal fidanzato e condotta in un bosco: l'atroce stupro di gruppo
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Ingannata dal fidanzato e condotta in un bosco: l’atroce stupro di gruppo

stop violenza sulle donna, intimo donna gettato fra le foglie

Un drammatico stupro di gruppo in Belgio: con una giovane vittima di soli 14 anni e gli aggressori tra gli 11 e i 16 anni.

Un evento sconvolgente scuote il Belgio: una ragazza di 14 anni è stata vittima di uno stupro di gruppo nel boschetto di Kabouterbov.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Dieci minori sono stati arrestati in un caso che ha sollevato preoccupazioni nazionali sulla sicurezza dei giovani e sulla violenza tra i minori.

Volto di una donna

Stupro di gruppo in Belgio: l’orribile dinamica dei fatti

Questo orribile atto è avvenuto durante le vacanze scolastiche di Pasqua. La ragazza ingannata dal suo fidanzato, di due anni più grande, è stata condotta nel bosco dove i suoi amici l’attendevano.

La vittima è poi stata trattenuta e stuprata in gruppo. Un atto barbaro ripreso e condiviso sui social media, come riportato da Thesocialpost.it.

La Procura delle Fiandre Occidentali ha preso in carico il caso. Conducendo le indagini in segretezza per proteggere l’identità della giovane vittima e delle sue famiglie.

Il sindaco di Kortrijk è rimasto visibilmente scosso dalla vicenda, pur non potendo discutere i dettagli del caso per restrizioni legali.

Si tratta di azioni ripugnanti per le quali non ci sono parole” – aggiunge – “Lo dico non solo come politico, ma anche come padre di 3 bambini piccoli“, ha dichiarato il sindaco. Evidenziando l’impatto emotivo dell’incidente sulla comunità e sulla sua stessa famiglia.

Le indagini in corso

Si tratta di un fascicolo particolarmente delicato che riguarda solo sospettati minorenni“, ha dichiarato Griet De Prest, portavoce della Procura.

Sono stati tutti identificati, arrestati e ora sono sotto la supervisione del giudice del tribunale dei minorenni“, aggiunge.

I dettagli emersi durante le indagini sono sconcertanti. I sospettati hanno mostrato “comportamenti riprovevoli e azioni vendicative“, rivelando una “totale mancanza di senso delle norme“, ha commentato una fonte vicina alle indagini.

L’avvocato di uno degli indagati ha espresso il suo shock per la gravità e la brutalità del caso: “Non mi era mai capitato una cosa del genere in tutta la mia carriera.”

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 11 Maggio 2024 14:10

Caso Pierina, shock: “Che bella signora” spunta l’ombra di uno stalker

nl pixel