I dati dell’Health Effects Institute: nel 2019 quasi 500.000 bambini sono morti a causa dell’inquinamento.

Quasi 500.000 neonati sono morti a causa dell’inquinamento nel 2019. I dati sono quelli dell’Health Effects Institute.

Arrivano invece dall’Epha i dati sui costi legati proprio all’inquinamento, e i dati non sono propriamente positivi per l’Italia.

Health Effects Institute, quasi 500.000 neonati morti a causa dell’inquinamento nel 2019

Stando alle stime, nel corso del 2019 circa 476.000 neonati hanno perso la vita a causa dell’inquinamento.

Nello specifico, secondo lo studio, la maggior parte dei decessi sarebbe legata all’inquinamento legato ai combustibili da cucina.

Il decesso, secondo lo studio, sarebbe riconducibile all’esposizione delle madri all’inquinamento atmosferico durante i mesi della gravidanza. Questa condizione aumenta i rischi legati a nascite premature, ad esempio.

Allargando il discorso, nel 2019 l’inquinamento atmosferico ha causato quasi sette milioni di decessi in tutto il mondo. Si tratta della quarta causa di morte.

Smog Inquinamento
Smog Inquinamento

Il ‘costo’ dell’inquinamento

A proposito di inquinamento, cinque città italiane rientrano nelle prime dieci posizioni delle città europee nelle quali l’inquinamento atmosferico ha il costo pro capite più alto. Le città italiane in questione sono Milano, Padova, Venezia, Brescia e Torino.

La graduatoria dell’Alleanza europea per la salute pubblica (Epha) prende in considerazione l’aspetto economico di eventi come ad esempio decessi prematuri e spese sanitarie in relazione agli agenti atmosferici inquinanti, come il particolato e l’ozono.

Per l’Italia l’inquinamento ha un costo di circa 1.500 euro annui a testa, una cifra di poco superiore alla media delle zone che rientrano nell’analisi dello studio. A Milano si stima un costo di quasi tremila euro l’anno.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
economia Health Effects Institute motori

ultimo aggiornamento: 22-10-2020


F1, rivoluzione Haas: via Kevin Magnussen e Romain Grosjean

Inps, crollo delle assunzioni dei privati nei primi sette mesi del 2020. E sulla Cig c’è distanza tra sindacati e governo