Lorenzo Insigne, in conferenza stampa, ha presentato la partita tra l’Italia e l’Austria, valida per gli ottavi di finale di Euro 2020.

Contro il Galles, nell’ultima partita del girone eliminatorio, Lorenzo Insigne è stato tenuto a riposo dal ct Roberto Mancini, che ha voluto fargli risparmiare energie in vista delle partite a eliminazione diretta, come quella di sabato, contro l’Austria, dove il capitano del Napoli tornerà titolare come terzo d’attacco nel 4-3-3 dell’Italia. Proprio il numero 10 azzurro ha presentato la partita valida per gli ottavi di finale dell’Europeo 2020 in conferenza stampa.

Italia, Insigne: “Il modulo di Mancini adatto a me”

“I giovani stanno vivendo una grande favola, è un bene anche per noi” ha esordito Insigne parlando dell’avventura dell’Italia all’Europeo. “Ci stanno dando il loro entusiasmo, io sono più grande: è la prima volta che vivo una competizione così da protagonista, ne sono orgoglioso, sto vivendo una favola e sto dando più del 100% per ripagare la fiducia di squadra e mister mettendo in campo le mie qualità per arrivare a un solo obiettivo” ha continuato.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Lorenzo Insigne
Lorenzo Insigne

L’attaccante ha poi parlato della sua posizione in campo: “Negli anni passati ero più giovane, c’erano altri moduli e mi sono adattato. Ho sempre ringraziato i ct come Cesare Prandelli e Antonio Conte che mi hanno portato a Mondiale ed Europeo. Col 3-5-2 mi sono messo a disposizione, con Roberto Mancini ho chance in più: fa un modulo adatto alle mie caratteristiche ma non solo alle mie, ma a tutti quelli che giocano”.

Insigne: “Il 10? Grande responsabilità”

Insigne all’Europeo indossa la maglia numero 10 dell’Italia: “Ho una grossa responsabilità a indossare questa maglia ma non voglio mettermi pressione addosso. Cerco sempre di scendere in campo più spensierato possibile: il mister dà tanti consigli a me come agli altri, poi è stato un grande calciatore e può insegnarci tanto. Possiamo mettere in pratica i suoi insegnamenti”. E sui gol con l’Italia ha aggiunto: “E’ il sogno di tutti segnare in questi stadi. Sogno di fare una grande partita, anche se non arriva il gol, l’importante è vincere le partite”.

L’Italia contro l’Austria giocherà a Wembley, dove Insigne ha già segnato un gol: “Il mio in amichevole è stato l’ultimo fatto a Wembley. Era un momento particolare per la Nazionale, è sempre bello segnare in questi stadi. Poi per quanto riguarda il ruolo… Io sono più grande, come altri, diamo qualche consiglio ai giovani. Guardiamo anche i ragazzi: sono giovani, hanno qualità, ci danno tanto come diamo a loro”.

Infine, sul cammino dell’Italia: “L’Austria corre tanto e fa pressione, studiamo gli avversari ma prepareremo la gara pensando a cosa dobbiamo fare noi. Ora le altre nazionali ci temono? È un orgoglio, perché all’inizio nessuno ci considerava, ma non abbiamo fatto ancora nulla. Bisogna stare sereni e con i piedi per terra, l’obiettivo è arrivare fino in fondo, non solo passare il girone”.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

TAG:
calcio news Europei

ultimo aggiornamento: 23-06-2021


Calciomercato, sprint Juve per Locatelli

Italia-Austria: ecco dove vederla in TV e in streaming