Lega, scritte con insulti sui muri della sede di via Bellerio

Scritte con insulti sui muri della sede della Lega di via Bellerio. Paolo Grimoldi: “L’anno nuovo comincia purtroppo in continuità con quello precedente”.

Scritte con insulti sui muri della storica sede della Lega in via Bellerio. Anonimi hanno imbrattato i muri della sede con accuse di razzismo contro il partito guidato da Matteo Salvini.

Scritte con insulti alla sede della Lega di via Bellerio: “Il popolo non è razzista”

Il popolo non è razzista. Lega di m*** razzisti“, recita la scritta fatta con lo spray, una scritta che occupa un intero muro della struttura.

L’anno nuovo comincia purtroppo in continuità con quello precedente procedendo con escalation di aggressioni alle sedi della Lega, con vandalismi, buste con proiettili, scritte spray con minacce e insulti, vetrate infrante e purtroppo anche attentati incendiari ed esplosivi senza contare i fantocci di Salvini bruciati nei cortei studenteschi“, ha commentato il deputato della Lega Paolo Grimoldi. Tanti i messaggi da parte anche di altri deputati leghisti che hanno invitato l’opinione pubblica ad abbassare i toni.

Lega via Bellerio
Fonte foto: https://www.facebook.com/ConsigliereGiudici/

Una manifestazione contro la politica di Matteo Salvini

In molti hanno interpretato questo gesto come una protesta contro la politica adottata da Matteo Salvini per quanto riguarda i migranti ancora in mare, a bordo di due navi delle Ong. Se da una parte Di Maio e Conte spingono per accogliere almeno le donne e i bambini, il vicepremier leghista continua con la linea dura affermando che per i trafficanti di esseri umani e per i loro complici i porti restano chiusi.

ultimo aggiornamento: 07-01-2019

X