Inter, l’agente di Gabigol: “Presentato come Ronaldo, poi umiliato. Andrà via”

Il procuratore del giocatore nerazzurro: “Ha vent’anni, è un talento incredibile. Ha bisogno di giocare con continuità“.

chiudi

Caricamento Player...

Il futuro di Gabigol è ancora tutto da decidere, ma da oggi sembra un po’ più lontano da Milano. Intervistato da UOL Esporte, Wagner Ribeiro, agente dell’attaccante nerazzurro, ha parlato: “Quello di Gabriel è un caso atipico. Ha lasciato il Brasile da campione olimpico, titolare nel Santos e convocato da Tite. È arrivato in Italia con questo stato, con una grande presentazione che è stata fatta solo per Ronaldo, con tutta la dirigenza e i proprietari dell’Inter attaule, e poi cosa è successo? In campo non ha avuto alcuna possibilità di giocare. Nessuno può dire che non è stato apprezzato. Ha giocato una partita e ha fatto un gol. Per il resto, ha giocato cinque minuti. E si allena bene, fa gol“.

Ag. Gabigol: “Tornare in Brasile sarebbe difficile

Wagner Ribeiro ha quindi proseguito: “Ho detto una parola che non è piaciuta in Italia: ho parlato di umiliazione. È stato umiliato lì, penso che sia stato umiliato. Ora? Tornare in Brasile è difficile, sarebbe meglio prestarlo a un club in Europa. Gabriel è molto giovane, ha vent’anni, è un talento incredibile. È anche un giocatore che ha caratteristiche uniche, gioca a destra, in diagonale, indietro, ha molta forza. Ha bisogno di avere continuità“.