Inter, Icardi lascia il ritiro di Lugano e ritorna a Milano

Inter, Icardi lascia il ritiro e ritorna a Milano

Rottura tra Inter e Icardi. L’argentino non viene convocato per la tournée in Asia e ritorna a Milano. Trasferimento vicino?

LUGANO (SVIZZERA) – Mauro Icardi lascia il ritiro di Lugano e ritorna a Milano. La clamorosa notizia era uscita nel primo pomeriggio di sabato 13 luglio 2019 ed è stata confermata successivamente dall’Inter con poche righe.

Mauro Icardi – si legge nel comunicato – rientrerà oggi a Milano dal ritiro di Lugano. Il club e l’attaccante argentino hanno preso questa decisione di comune accordo. Icardi proseguirà il suo percorso di ricondizionamento atletico nei prossimi giorni e non prenderà al Summer Tour in Asia“.

Di seguito il tweet dell’Inter sul caso Icardi

Inter, Icardi lascia il ritiro. Trattativa in corso?

Il futuro di Mauro Icardi sembra ormai definitivamente lontano dall’Inter. L’attaccante classe 1993 non rientra nei piani di Antonio Conte e la mancata convocazione per la trasferta in Asia sembra essere un segnale importante per l’argentino.

Solitamente quando i calciatori non vengono portati in una tournée (vedi il caso de Ligt n.d.r.) significa che c’è in corso una trattativa per la cessione. Per questo non sono esclusi possibili colpi di scena nelle prossime ore con Icardi che potrebbe a breve salutare definitivamente l’Inter per una nuova avventura.

Mauro Icardi
Mauro Icardi

Icardi pronto a dire addio all’Inter: Juve o estero?

Il futuro di Mauro Icardi sembra essere diviso in due. La Juventus continua a seguire da vicino la vicenda dell’argentino anche se non sarà semplice portarlo in bianconero vista la rivalità con il club nerazzurro. Non è da tralasciare la pista estera o quella Napoli anche se alla fine la volontà del giocatore porterà alla scelta definitiva.

Le prossime ore saranno decisive con Icardi che si allenerà a Milano in attesa di scoprire il suo futuro. Il mercato è lungo ma il futuro dell’argentino potrà essere definito in poco tempo con la Juventus che non molla e spera.

ultimo aggiornamento: 13-07-2019

X