Prime parole da giocatore nerazzurro per Cedric Soares che ha raccontato le sue prime impressioni sull’ambiente Inter ai microfoni di Inter TV

Nel tardo pomeriggio di ieri l’Inter ha ufficializzato l’arrivo del terzino Cedric Soares dal Southampton. Il giocatore, che vestirà la maglia numero 21 fino al giugno del 2019, è arrivato in nerazzurro con la formula del prestito oneroso con diritto di riscatto. Il terzino portoghese ha rilasciato le sue prime parole da nerazzurro ai microfoni di Inter TV

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

Cedric Soares: “Inter club incredibile”

Il giocatore portoghese non ha nascosto l’emozione di essere di essere arrivato in un club come l’Inter: “Poter vestire la maglia nerazzurra è un sogno che diventa realtà” e poi ha aggiunto: “Sono davvero felicissimo, l’Inter è un club incredibile. 

Cedric Soares non ha nascosto nemmeno l’emozione di poter giocare al ‘Meazza’. A tal proposito ha detto: “San Siro è uno stadio leggendario. Ogni giocatore, quando è giovane, sogna di poter giocare un giorno al ‘Meazza’. Uno stadio ricco di storia, tantissimi campioni hanno calpestato quel campo”. Il classe ’91 ha poi svelato un piccolo aneddoto di quando era bambino: “Credo che l’Inter sia nel mio destino perché quando ero piccolo avevo una foto della formazione nerazzurra nel mio quaderno di scuola”.

Piero Ausilio
Piero Ausilio (fonte foto https://twitter.com/Nerazzurri_Ale)

Cedric Soares: “Mi piace il gioco di Spalletti”

Il giocatore portoghese oltre a parlare dell’emozione di essere in nerazzurro, ha parlato dell’aspetto tecnico-tattico. A tal proposito ha detto: “È importante che le caratteristiche di un giocatore si sposino con il progetto tecnico e sono sicuro di potermi adattare bene in questa squadra”. 

Su Luciano Spalletti, allenatore dei nerazzurri, ha detto: “Mi piace il suo gioco e ho visto anche diverse partite dell’Inter, oltre ad aver parlato con il mio amico e connazionale Joao Mario“. 

A proposito del suo compagno di Nazionale, il neo giocatore nerazzurro ha aggiunto: “Joao Mario è un amico, non solo un compagno. Siamo cresciuti nello stesso club, è un piacere ritrovarlo qui e poter giocare ancora con lui. Mi ha raccontato tante cose sull’Inter, mi ha detto che è una squadra a cui piace comandare il gioco ed è molto organizzata a livello tattico”. 

calcio news Inter

ultimo aggiornamento: 27-01-2019


Coppa Italia, Milan-Napoli: la finale del 1972 vinta dai rossoneri

Milan, Leonardo pensa a Deulofeu per chiudere il mercato rossonero