Ecco le dichiarazioni di Luciano Spalletti nel post partita di Inter-Rapid Vienna ai microfoni di Sky Sport: “Fiducia in chi sta giocando”

Luciano Spalletti, allenatore dell’Inter, al termine del match vinto dalla sua squadra contro il Rapid Vienna per 4 a 0 e conseguente passaggio agli ottavi di finale dell’Europa League 2018/2019, ha raccontato le sue impressioni sul match di San Siro ai microfoni di Sky Sport.

“Con Ranocchia si può avere confidenza senza andare oltre il rispetto dei ruoli. Si era detto che oggi avrebbe segnato ma non con un gol dal limite dell’area”.

“E’ corretto dire che l’Inter sta migliorando e sta facendo meno errori di quelli fatti prima, non è corretto alludere a qualcosa che è successo in questi giorni. Diamogli il taglio giusto perché la cosa reale è che la squadra lavora e ci sta fare meno errori, ma senza alludere a certe situazioni“.

“Ora si parla di chi c’è, tirarsi una situazione che non c’è non si fa più. Si dà forza e si dice bravi a chi gioca, corre e prende calci, senza perdere di vista lo scorrimento delle cose”.

“Noi siamo alla ricerca di questo livello che dobbiamo esibire normalmente e invece in alcuni momenti non lo facciamo andando sotto il nostro livello. Sembra uno sforzo difficile da mantenere mettere dentro tutte le cose che abbiamo professionalmente parlando. Questa situazione va messa a posto il prima possibile, l’anno scorso lo abbiamo fatto per periodi. Sembra che le nostre caratteristiche non possano supportare il lungo tratto, nella partita bisogna mettere più cose e se qualcuno non le ha individualmente deve sforzarsi per contribuire per quel dato lì”.

“Squadra matura e serena? Vero, stasera queste cose si sono viste. Si è usata la logica nella lettura del momento, qualche volta siamo stati costretti ad abbassarci perché non eravamo compatti e poi siamo ripartiti; sono cose che fanno parte della lettura della partita, come il palleggio sullo stretto. Ora si consolida la riconquista della palla perché non si può ribaltare l’azione e allora lo si fa con attenzione perché se vengono a prenderti il pallone si va a rificcare la sfera dentro. I calciatori sono stati molto attenti e professionali, molto sintetici per le situazioni”.

“C’è sempre bisogno dell’equilibrio e del supporto. Vecino e Brozovic fanno copertura che rende più facile il lavoro sulla linea difensiva. Ci manca qualità sulla trequarti dove a volte facciamo il lavoro che dobbiamo fare ma a volte abbiamo difficoltà a prendere queste situazioni di taglio che danno il dubbio su chi viene marcato il giocatore che attacca la linea difensiva. Queste linee di mezzo si possono fare meglio, stasera siamo passati subito avanti quindi hanno gestito senza perdere equilibrio, poi tutti abbiamo fatto meglio nella ripresa”.

“Icardi è venuto a festeggiare nello spogliatoio? Non lo so, sono venuto alle interviste; la squadra ha festeggiato tutta. Erano molto contenti”.

“Avversaria ottavi? Ci sono 4-5 più forti e se sulla carta si incontra una meno forte è meglio. Ma di lì bisogna passare, qualcuna si trova di traverso nel tragitto che vogliamo intraprendere”.

calcio news Inter

ultimo aggiornamento: 21-02-2019


Europa League, poker dell’Inter al Rapid Vienna e qualificazione ottenuta

Europa League, i risultati del ritorno dei sedicesimi di finale