Inter, Spalletti: “Dobbiamo essere squadra. Totti? Nessun conto in sospeso”

Ecco le dichiarazioni rilasciate in conferenza stampa da Luciano Spalletti, tecnico dell’Inter, alla vigilia della sfida di campionato contro la Roma.

Quella di domani non sarà una partita come le altre per Luciano Spalletti. Il tecnico nerazzurro, infatti, ritroverà la “sua” Roma all’Olimpico: “È una città a cui ho voluto bene – ha dichiarato in conferenza stampa, come riporta Premium Sport – e c’è un gruppo di giocatori a cui ho voluto bene. Ci vado con tutto l’entusiasmo possibile, poi loro possono accogliermi come vogliono. Se incontro Francesco Totti sarò ben contento di abbracciarlo e salutarlo. Non ci sono conti in sospeso, da parte mia almeno è così. Sarà un piacere ritrovarlo”.

Per l’Inter sarà un banco di prova importante: “Il nostro campionato – ha affermato Spalletti – verrà misurato da queste partite qui. Se non andiamo a giocare da squadra forte, in questi campi veniamo travolti. Per me conta la prestazione. Noi dobbiamo essere squadra, andiamo a giocare contro una squadra forte, ma se sei una squadra forte e organizzata, nel calcio non ci sono trasferte. Dipende da come tu la affronti. Noi per ambire alle nostre posizioni dobbiamo essere squadra”.

Mercato Inter, i nerazzurri abbandonano la pista Schick

Nel corso della conferenza stampa, Spalletti ha parlato anche del mercato: “Io alleno l’Inter e l’Inter i suoi campioni li ha già in casa. Sono felice di lavorare con questi giocatori perché mi hanno già fatto vedere di che pasta sono fatti. Questa è una squadra forte e ho a che fare con ragazzi forti. E’ chiaro che se fossimo stati più ordinati all’inizio del nostro mercato, si poteva mirare subito al percorso che dovevamo fare. Invece inizialmente abbiamo mirato a situazioni diverse che poi non si sono potute portare a casa. Noi qualcosa abbiamo modificato e sono orgoglioso di averlo fatto con la società”.

Una considerazione anche sugli ultimi colpi nerazzurri, gli esterni Dalbert e Cancelo: “Loro sono due calciatori molto offensivi, che per noi vanno bene. Però allo stesso tempo c’è da alternare questa caratteristica. Ci sono tempi nel reparto difensivo che bisogna conoscere. In questo bisogna ancora fare qualche passo in avanti. Cancelo? Se parte da dietro è più facilitato a esprimersi, ma poi c’è anche una fase difensiva. Comunque sono due giocatori da Inter”.

ultimo aggiornamento: 25-08-2017

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X