Inter, Spalletti: “Dobbiamo vincere sempre, siamo obbligati”

Il tecnico nerazzurro: “Le altre vanno forte, non solo quelle davanti ma anche Fiorentina, Samp e Milan“.

chiudi

Caricamento Player...

Vigilia di match per l’Inter di Luciano Spalletti, che domani al Bentegodi di Verona affronterà l’Hellas di Pecchia. Queste le parole del tecnico nerazzurro in conferenza stampa, riferite dalla Gazzetta dello Sport: “Vanno tutte forte, non soltanto le prime cinque. La Fiorentina è forte, la Sampdoria ha dimostrato grandi cose, il Milan può rientrare. Siamo obbligato ad andare al massimo perché le altre non perdono punti. Saranno fondamentali gli scontri diretti, che quest’anno sono di più. Noi dobbiamo dimostrare a noi stessi di essere da Inter“.

Spalletti: “Il Verona è una squadra tosta

Il tecnico nerazzurro ha quindi parlato dei propri rivali di domani: “Pecchia è una bravissima persona, è stato anche un grande calciatore. Mi ha insegnato molto e il Verona è una squadra tosta. A volte se giochi tre o quattro grandi gare ravvicinate puoi patire. Sarri si lamenta per gli infortuni? Lo capisco, ma è sempre meglio giocare le coppe. Per noi c’era da trovare solidità e questi giocatori lo hanno fatto. Bisognava far sentire importante qualcuno e ci siamo riusciti. Non vedo perché si debba cambiare. Brozovic? È recuperato“. Spalletti quindi si lamenta della rosa, forse un po’ corta: “Ma non bisogna fare nomi a caso, se è necessario si interviene, sennò si evita. Ramires? Non fa comodo parlarne. È come quando mi si chiede se siamo o non siamo da scudetto. Se fossi un giocatore dell’Inter che gioca nel suo ruolo, non sarei contento“.