Inter, Spalletti: “Pronti all’esame Napoli, ma non sarà facile”

L’allenatore interista, Luciano Spalletti ha parlato in conferenza stampa in vista della sfida contro gli azzurri di Sarri. Ecco le sue dichiarazioni.

Dopo il derby, un altro banco di prova importante per l’Inter, che domani sera (fischio d’inizio alle 20.45) sarà di scena al San Paolo contro il Napoli di Maurizio Sarri. Alla vigilia del match, il tecnico nerazzurro, Luciano Spalletti, ha parlato in conferenza stampa. Ecco le sue dichiarazioni, riportate da Sportmediaset.it: “I nostri giocatori hanno già dato esami, se siamo a questo punto significa che abbiamo già studiato molto e siamo pronti per questo ulteriore confronto. Non sarà facile. Io fortunato? Sono uno che ha sicuramente il vento a favore. Ho più fortuna di quella che si è vista fino adesso, di sicuro ne vedrete ancora delle belle”.

Serie A, nona giornata: Napoli-Inter domani sera al San Paolo

Nel corso della classica chiacchierata con i giornalisti, Spalletti ha speso parole d’elogio per il Napoli e il suo allenatore: “Il Napoli è uno spot per il calcio. Loro sono una squadra forte, sono dove avevano programmato di essere. Non concedono niente a nessuno, devi andarli a prendere e sfidare. Devi essere più bravo del loro possesso palla. Sarà difficilissimo reprimerli o limitarli, hanno questa qualità di comandare il gioco, hanno continuità di gioco, in alcuni momenti hanno la perfezione. Se Sarri avesse continuato a lavorare in banca, a quest’ora sarebbe diventato ministro dell’economia”.

Napoli e Inter, ma non solo. Spalletti non dimentica Lazio e Milan: “L’Inter ha lavorato bene con le scelte che ha fatto, il Napoli sono tre anni che lavora con lo stesso telaio. Per il momento, noi siamo stati eccezionali nelle scelte dei momenti. Nel saper cogliere l’attimo. Il Napoli sono ormai tre anni che fa calcio a questi livelli. La Roma è una squadra fortissima, io la conosco bene e so che è fortissima. La Lazio è dentro per mentalità, per gioco acquisito, per telaio, per struttura fisica. Fanno risultati importanti da 2-3 anni. E mi fido di Montella, se dice che il Milan ha le qualità di rientrare nel giro, significa che può farlo. Siamo sei squadre e con loro dovremo vedercela fino in fondo, se riusciremo a starci in quel tavolo lì”.

Il tecnico interista crede molto nelle potenzialità della sua rosa: “Noi non siamo moltissimi, siamo costruiti per quella che deve essere la nostra corsa e le nostre intenzioni. Abbiamo fatto tutto il possibile affinché non ci siano rimorsi. Tutta la rosa è di prima qualità per potersi confrontare. Sono convinto che se a Santon chiedo di fare il centrocampista, lui fa il centrocampista. Siamo nelle condizioni di poter giocare la partita ad armi pari. Loro hanno giocato la partita in settimana, ma sono più numerosi”.

ultimo aggiornamento: 20-10-2017

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X