Giorni caldi in casa Inter: ore decisive per quanto riguarda le trattative per il finanziamento che andrebbe a risollevare le condizioni economiche della società .Il club finisce in pegno?

Archiviata la questione Superlega, per l’Inter sono giorni fondamentali per il futuro del club. Come riferito da il Sole 24 Ore, nei prossimi giorni (e potrebbe essere ormai questione di ore) potrebbe concludersi con una fumata bianca la trattativa per il finanziamento con il fondo che dovrà intervenire con una iniezione di denaro per risollevare le sorti economiche del club.

Inter, trattative in dirittura d’arrivo per il finanziamento

Stando a quanto riferito da il Sole 24 Ore, il nome caldo degli ultimi giorni è quello del gruppo Bain Capital Credit. Bloomberg parla di una trattativa in dirittura di arrivo con Oaktree Capital Group.

Al termine della trattativa, il fondo che risulterà vincitore verserà una cifra vicina ai 250 milioni di euro nelle casse della società Great Horizon, una controllata di Suning riconducibile al Lussemburgo. La Great Horizon a quel punto trasferirebbe i soldi (tutti o quasi) nelle casse dell’Inter, che andrebbe così a risolvere i suoi problemi di liquidità senza clamorosi passi indietro da parte della dirigenza, che ha deciso di continuare a investire nel calcio italiano e nel progetto Inter. Questo nonostante la famiglia Zhang non stia vivendo un momento semplicissimo, economicamente parlando. Al termine dell’operazione potrebbe uscire di scena Lion Rock, socio di minoranza che sarebbe pronto (e lieto) a fare un passo indietro.

Zhang
Zhang

Quote del club in pegno?

Ma perché l’Inter potrebbe finire in pegno? Sempre stando alla ricostruzione de il Sole 24 Ore, in cambio del finanziamento che otterrà da fondo il gruppo dovrebbe dare in pegno le azioni dell’Inter. E nel caso in cui la società non dovesse rendere il prestito nei tempi concordati, il fondo diventerebbe proprietario del club. Uno scenario che a Milano, sponda rossonera, conoscono bene.

TAG:
calcio news Inter

ultimo aggiornamento: 24-04-2021


Recovery plan, esame di Stato abolito, basterà la laurea. Quali sono le professioni interessate

Recovery plan, via Quota 100, si valuta Quota 102. Cos’è e cosa cambia