Il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi ha parlato della scuola e della possibilità di estendere la didattica fino alla fine del mese di giugno.

Intervenuto ai microfoni di Radio Rai 1, il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi ha parlato della scuola, delle chiusure disposte con il nuovo dpcm e della possibilità di proseguire la didattica fino alla fine del mese di giugno.

Bianchi, “Non tutti a scuola fino al 30 giugno”

In questo periodo le scuole non sono mai state chiuse: bisogna iniziare ad aggiungere, fare dei percorsi di sostegno dei singoli, non con tutti seduti al banco fino al 30 giugno ma con percorsi individuali. Gli insegnanti sono presenti fino al 30 giugno per tutte le attività della scuola. Si tratta di portare avanti questo lavoro, siamo solo a marzo, c’è tutto il tempo di verificare la perdita degli apprendimenti, i docenti stanno già facendo questo lavoro“, ha dichiarato il Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi.

Scuola - Liceo
Scuola

La Didattica a distanza

Bianchi ha poi parlato della Didattica a distanza e del ritorno a scuola il prossimo anno, quando il mondo dell’istruzione dovrà mostrare di aver imparato la lezione impartita in maniera decisamente severa dalla pandemia.

“Si tornerà a scuola ragionando su quello che è avvenuto, non cancellando il passato ma ragionandoci su per avere una scuola e un mondo del lavoro più avanzato […]. Capisco voler fare i titoloni sulla Dad ma la scuola è presenza. In questo anno i nostri insegnanti hanno lavorato in situazioni difficilissime, va loro riconosciuto, è un patrimonio che non può essere disperso. Dopo si tornerà in presenza facendo tesoro delle esperienze, Bisogna allargare le nostre capacità”.

“Bisogna usare tutti gli strumenti, avendo una visione dell’educazione. Questa idea di fare la lezione soli davanti al pc è stata superata, lo strumento può mettere in collegamento i ragazzi lontani tra loro. Bisogna allargare le nostre capacità”, ha concluso Bianchi come riferito dall’Ansa.

TAG:
coronavirus governo Draghi

ultimo aggiornamento: 04-03-2021


Emergenza Covid, Draghi sente Ursula von der Leyen: Accelerare sui vaccini

Verso il nuovo monitoraggio Iss: le regioni che rischiano di diventare zona Rossa