L’intervista di Di Maio al Corriere della Sera: “Con il PD si lavora bene. Meglio di quanto si lavorasse con la Lega”. E sulle Regionali: “Si decide caso per caso”.

ROMA – E’ tempo di riflessioni in casa M5s. Nella lunga intervista al Corriere della Sera Luigi Di Maio ammette la sconfitta ma non chiude la porta ad un nuovo patto civico con il PD: “Andare da soli alle elezioni amministrative è sempre stata la nostra posizione perché siamo un movimento alternativo ai partiti e non complementare. In Umbria non ha funzionato e andiamo avanti. Nelle prossime ore ho un incontro con gli eletti di Calabria ed Emilia-Romagna. Saranno loro a decidere e penso che non chiederanno di allearci con il PD“.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Di Maio assicura: “Il governo va avanti”

I risultati delle regionali non dovrebbero avere riflessi sull’esecutivo in carica: “Ho parlato sia con Franceschini che con Conte. Siamo tutti consapevoli che serve una spinta maggiore per dare una risposta al Paese. Non possiamo pensare che ogni voto regionale possa avere un peso su questo governo perché fino a maggio 2020 ne abbiamo sette. Nei prossimi giorni mi sentirò anche con Zingaretti ma vi posso assicurare che con il PD si lavora bene, meglio anche di quanto si lavorasse con la Lega“.

Luigi Di Maio
Luigi Di Maio

E sul futuro del partito…

Voglia di ripartire da zero per il leader dei grillini che non si sente in discussione: “Si perde e si vince tutti insieme. Nel MoVimento ci siamo sempre detti le cose in faccia ed è giusto continuare in questo modo“. E Di Maio indica la strada del partito: “I nostri obiettivi non devono cambiare. Il percorso è appena iniziato ma vogliamo arrivare al governo del Paese con una maggioranza autonoma. E per farlo dobbiamo azzerare le aspettative e riparte con umiltà“.

fonte foto copertina https://www.quirinale.it/elementi/35429

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 29-10-2019


Governo, per il Quirinale è la manovra la prova del nove. E Mattarella pensa alle urne in caso di crisi

Elezioni in Umbria, il PD si spacca. Il fronte scettico vuole il ritorno alle urne