L’intervista di Chiara Ferragni a ‘Corriere Economia’: “Voglio far quotare in Borsa il brand”.

MILANO – Quotare il proprio brand in Borsa. E’ questo il prossimo obiettivo di Chiara Ferragni svelato in un’intervista a Corriere Economia: “Vogliamo creare un marchio lifestyle di lusso che possa essere quotato in Borsa o confluire in un grande gruppo di lusso […]. Prima dobbiamo fare in modo di rendere marchio e azienda appealing […]“.

Chiara Ferragni pensa in grande

Nessuna paura per Chiara Ferragni che ha intenzione di affrontare questa sfida per aumentare il proprio patrimonio. La svolta è arrivata nei giorni scorsi quando ha deciso di fare un aumento di capitale importante per il brand Serendipity.

Una scelta che la stessa influencer ha spiegato in questa intervista: “I numeri erano in discesa e dovevamo cambiare il nostro obiettivo strategico. Ho pensato ad un brand non legato al mio personaggio o indirizzato unicamente ai miei fan. E per questo abbiamo deciso di fare un vero life style che possa piacere sia alle mamme che alle ragazzine. Il tutto guardando con attenzione ai numeri e alla redditività sul lungo periodo“.

Chiara Ferragni
Chiara Ferragni

Chiara Ferragni: “Gli uomini non ci prendono sul serio”

Da parte di Chiara Ferragni non sono mancate le critiche agli uomini: “A volte sono loro il problema perché non ci prendono sul serio“. Un messaggio che sembrava indirizzato al suo ‘quasi’ ex socio Pasquale Morgese. Anche se la stessa imprenditrice milanese ci ha tenuto a smentire qualsiasi dissidio tra i due: “E’ rimasto azionista sia di Serendipity che Tbs. Ha mantenuto la licenza delle calzature e tra di noi non c’è nessuna azione legale in corso“.

E il futuro sembra essere una scommessa da vincere per Chiara Ferragni, pronta ad entrare in Borsa con il suo marchio. Senza escludere una possibile alleanza con una grande azienda.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
borsa Chiara Ferragni economia News

ultimo aggiornamento: 22-09-2020


Il nuovo allarme dell’Oxfam: “I poveri travolti dai cambiamenti climatici”

Rc auto, prezzi in calo nel secondo trimestre 2020