F1, Lewis Hamiton ai microfoni di Marca: “Un altro grande pilota guida la mia stessa macchina ma non vince quanto vinco io”

Il campione della Mercedes Lewis Hamilton i microfoni di Marca ha risposto alla critica principale che sostanzialmente lo accompagna da anni, ossia quella secondo cui le sue vittorie sarebbe condizionate da una macchina imbattibile.

Lo sfogo di Hamilton a Marca: “Un altro grande pilota guida la mia stessa macchina ma non vince quanto vinco io”

Un altro grande pilota guida la mia stessa macchina ma non vince quanto vinco io. Merito rispetto, sono il migliore […]. Vorrei più gare complicate per dimostrare di cosa sono capace“, ha dichiarato il campione della Mercedes intervenuto ai microfoni di Marca.

Il riferimento di Hamilton è evidentemente a Bottas, suo compagno di squadra alla Merceds. In effetti Bottas in molte gare non è risuscito a tenere il passo del compagno di scuderia.

Non ci sono dubbi sul fatto che Hamilton sia in qualche modo agevolato da una monoposto senza eguali nel panorama attuale della Formula 1, ma è vero anche che nel corso degli anni Lewis ha maturato una grande esperienza sportiva. Hamilton è migliorato in maniera significativa nella lettura delle gare e nella gestione delle gomme. Sotto pressione difficilmente commette errori.

Lewis Hamilton
Lewis Hamilton

Hamilton: “Ovviamente servono una grande squadra e una grande macchina”

“Sento commenti interessanti da grandi piloti, soprattutto dal passato. Ovviamente servono una grande squadra e una grande macchina, nessuno ha vinto il Mondiale in nessun altro modo. Vorrei che ci fossero gare più complicate come quella in Turchia, il più delle volte sarò in grado di dimostrare di cosa sono capace”, ha chiosato Hamilton.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
Formula 1 Lewis Hamilton motori News

ultimo aggiornamento: 23-11-2020


MotoGP, Oliveira vince a Portimao. La Ducati conquista il titolo costruttori. Arenas e Bastianini vincono il Mondiale di Moto3 e Moto2

Tappezzeria auto e rivestimenti dei sedili: ecco cosa c’è da sapere