Formula 1, Charles Leclerc ai microfoni di Sky: “A Imola non sappiamo cosa aspettarci, nelle curve medio-veloci non siamo andati bene a Sakhir”.

Intervistato da Carlo Vanzini per Sky, Charles Leclerc ha parlato del momento della Ferrari, delle sue sensazioni e della stagione appena iniziata.

Leclerc, “La Ferrari non può lottare per il quinto o il sesto posto. Dobbiamo lavorare, ma senza fretta”


“Sono sempre felice, faccio il lavoro più bello del mondo. Poi, certo, c’è tanto da lavorare per i nostri obiettivi. Ma comunque sì, sono felice”, ha dichiarato Charles Leclerc ai microfoni di Sky.

Parlando della stagione in corso, il pilota della Ferrari ha evidenziato i passi in avanti rispetto al 2020. Passi in avanti che, come previsto, non hanno riportato la Rossa ai vertici. Per questo bisognerà attendere il prossimo anno.

“Ci sono due punti di vista quello in cui dobbiamo essere consapevoli da dove arriviamo, il 2020. E in tal senso c’è stato un passo avanti. Ma se vediamo il quadro generale, la Ferrari non può lottare per il quinto o sesto posto. Dobbiamo lavorare, ma senza fretta. E lo stiamo facendo bene. A Imola non sappiamo cosa aspettarci, nelle curve medio-veloci non siamo andati bene a Sakhir e qui ce ne sono diverse”.

Charles Leclerc
Charles Leclerc

Il rapporto con Carlos Sainz

Charles Leclerc ha parlato anche del suo rapporto con Sainz, un compagno di squadra esperto nonostante la giovane età.

“C’è una bella complicità e stiamo lavorando benissimo. Vogliamo riportare la Ferrari dove merita. Non dico che ce la farò, ma darò tutto e spero di riuscirci. La strada è lunga […]. Da lui c’è imparare. Da tutti c’è sempre da imparare per il loro modo di guidare e lavorare. Carlos è veloce e motivato, in Bahrain ha fatto delle cose meglio di me e ho spinto per provare a fare come lui in occasione del filming day“.


Auto elettriche, come viaggeranno gli uomini più potenti del mondo

Auto elettrica, Elkann: “Prima Ferrari nel 2025”