Lunga intervista di Roberto Mancini a La Gazzetta dello Sport: “La Juventus è la grande favorita ma attenzione alle altre squadre”.

CATANZARO – Lunga intervista ai microfoni de La Gazzetta dello Sport del c.t. azzurro Roberto Mancini. A margine di un incontro al Centro Federale di Catanzaro, l’allenatore dell’Italia ha rilasciato alcune dichiarazioni alle pagine della Rosea: “L’arrivo di Cristiano Ronaldo – ha esordito – è sicuramente un ottimo segnale per il calcio italiano e la Juventus ma non è detto che i bianconeri vinceranno sicuramente lo scudetto. Un campione da solo non basta. Secondo me Roma, Inter, Napoli e qualche altra squadra possono ambire al titolo e il mercato è ancora aperto“.

Sullo scambio Bonucci-Caldara: “Leo resta un giocatore straordinario. Per l’Italia è un punto fermo e sono convinto che darà il suo contributo in qualsiasi squadra giocherà. Per quanto riguarda Mattia l’importanti che giochi con continuità. Solo in questo modo si potrà fare il salto di qualità“.

Leonardo Bonucci
Fonte foto: https://www.facebook.com/bonuccileo19/

Su Balotelli: “Anche per lui vale lo stesso discorso. Ha grandi potenzialità e può essere un giocatore decisivo ma deve trovare continuità“.

Roberto Mancini sulla Nazionale: “Il nostro obiettivo resta l’Europeo”

Roberto Mancini si è soffermato anche sulla Nazionale: “Il nostro obiettivo non cambia e resta l’Europeo ma sicuramente vogliamo fare bene in tutte le competizioni per risalire un po’ il ranking. Non voglio fare promesse ma non possiamo non qualificarci alle competizioni internazionali, perché poi dentro sappiamo sempre farci rispettare“.

Sulle difficoltà di allenare la Nazionale: “Allenare ogni giorno non mi manca. Sognavo di sedere sulla panchina azzurra e sicuramente per me è un punto di arrivo. Poi c’è chi preferisce il club ma io mi sentivo pronto per una esperienza così importante. Vogliamo riportare l’Italia nel calcio che conta“.

fonte foto copertina https://twitter.com/Vivo_Azzurro

TAG:
calcio news Inter

ultimo aggiornamento: 26-07-2018


Darmian allo scoperto: “Inter? C’è qualcosa di vero”

Inter, de Vrij: “Qui si lavora duro, sono contento”