Bufera sul Movimento Cinque Stelle, deputato Dall’Osso passa a Forza Italia: “Io tradito, preso in giro e umiliato dal M5S”.

Nei giorni caldi della discussione della manovra e del caso nato intorno alla famiglia Di Maio, il Movimento Cinque Stelle si ritrova a dover far fronte a un’altra bufera mediatica sollevata questa volta da un deputato pentastellato. Anzi, da un ex deputato pentastellato, perché Matteo Dall’Osso, affetto da Sla, si è sentito umiliato dal MoVimento, deriso e preso in giro. Per questo motivo ha deciso di lasciare i grillini per aderire a Forza Italia di Silvio Berlusconi.

Matteo Dall’Osso contro il Movimento Cinque Stelle: “Io tradito e umiliato, gli onorevoli hanno pensato solo alla politica e non al bene comune”

Le parole di Matteo Dall’Osso sono dure e sono destinate a far discutere. Il quarantenne, che dal 2013 combatte con la Sclerosi Laterale Amiotrofica (Sla), ha detto di essere stato preso in giro dagli onorevoli del Movimento Cinque Stelle.

Mi sono sentito solo, in parte tradito, umiliato – ha dichiarato Dall’Osso intervenuto ai microfoni de Il Giornale. E mi sono sentito disabile. Mi hanno trattato male […] gli onorevoli hanno pensato solo alla politica e non al bene comune. Mi era stato chiesto di ritirare i miei emendamenti a tutela dei disabili per parere contrario insieme ad altri già respinti. Uno di questi è stato oggetto di contrattazione. Ho chiesto al gruppo M5S di firmare il mio emendamento, nulla di più, ma dai banchi del governo è stata data indicazione negativa così ho deciso di proseguire grazie alla sottoscrizione di tutte le opposizioni – prosegue il racconto di Matteo Dall’Osso.

Poi a seguito del mio intervento e di un accorato appello l’emendamento è stato accantonato con parere favorevole. Ero in parte soddisfatto e felice per il risultato ottenuto proprio nella Giornata Internazionale della Disabilità. ma nella seduta di martedì 4 quell’emendamento è stato bocciato. L’ho appreso dal verbale della seduta. Sono avvilito ma vado avanti lo stesso per i disabili“.

Parlamento
Fonte foto: https://www.facebook.com/Cameradeideputati/

Chiesti centomila euro al deputato Dall’Osso

Come se non bastasse, sempre stando a quanto riportato da il Giornale, il Movimento Cinque Stelle avrebbe chiesto a Matteo Dall’Osso di restituire i soldi ricevuti in questi mesi di servizio per il MoVimento. Insomma, la questione è decisamente aperta.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
evidenza lega Movimento Cinque Stelle politica

ultimo aggiornamento: 07-12-2018


Manovra, Luigi Di Maio puntualizza: nessuna tassa sulle auto delle famiglie

Berlusconi al M5s: non saprebbero nemmeno pulire i cessi