Giorgia Meloni a 'La Repubblica': "Il 4 luglio saremo in piazza"

Meloni: “La cosa più responsabile che si possa fare è indire nuove elezioni”

ROMA – Il Centrodestra è pronto per la manifestazione del 4 luglio. In un’intervista a ‘La Repubblica’ Giorgia Meloni ha ribadito che scenderanno in piazza nonostante il limite di 2mila persone imposto dal Viminale.

Le mascherine – ha ricordato la leader di Fratelli d’Italia – non possono essere un bavaglio. Saremo responsabili e distanti. In questo periodo abbiamo assistito a ben altri assembramenti. Io ricordo il 25 aprile, alla piazza in ricordo di George Floyd e l’inaugurazione del nuovo ponte di Genova“.

L’intervista di Giorgia Meloni a ‘La Repubblica’

La deputata in questa intervista ha usato parole molto dure nei confronti della maggioranza: “Le critiche vengono mosse solo quando si decide di protestare contro questo esecutivo. Non si può usare la pandemia per far stare zitto chi manifesta. Da qui al regime il passo è molto breve. Volevano ridurre il numero massimo a meno di 2mila persone in una piazza di 14mila mq. Ho alzato la voce e sono riuscita a far alzare le presenze a 4.200“.

Giorgia Meloni
Giorgia Meloni

Elezioni

Da Giorgia Meloni e, quindi, dal Centrodestra è stato ricordato il bisogno di tornare alle urne il prima possibile: “In Senato andranno sotto con i numeri. Questa maggioranza deve andare a casa per la sua fragilità politica oltre che numerica. L’unica strada percorribile resta quella di andare a votare, anche con l’attuale legge elettorale. Nessuna maggioranza con questi numeri può affrontare con determinazione l’emergenza economica. Il presidente della Repubblica lo sa bene“.

Chiare le idee da parte della leader di Fratelli d’Italia che spinge per un ritorno alle urne già in autunno. Ipotesi, al momento, molto complicata anche se il Governo deve fare molta attenzione ai numeri in Senato che, con il cambio di partito di alcuni esponenti pentastellati, sono davvero a rischio. Il Centrodestra valuta se approfittare di questa situazione per riportare gli italiani al voto. E le elezioni regionali rischiano di essere un banco di prova importante.

ultimo aggiornamento: 29-06-2020

X