Il ministro Speranza a ‘Mezz’ora in più’: “Il prossimo trimestre penso sia quello decisivo per le vaccinazioni”.

ROMA – Il ministro Speranza ai microfoni di Mezz’ora in più ha fatto il punto sulla vaccinazione: “Penso che il prossimo trimestre sia decisivo. Ci aspettiamo un arrivo di 50 milioni di dosi e metà della popolazione potrà essere vaccinata. Secondo i nostri programmi entro l’estate ci troveremo in una situazione che tutti gli italiani potranno essere vaccinati se lo vorranno“.

Il ministro Speranza su AstraZeneca e Sputnik

Il ministro Speranza ha confermato l’intenzione di estendere AstraZeneca anche alle persone più anziane: “Ci sono nuove evidenze scientifiche che mostrano l’efficacia del vaccino AstraZeneca anche per le persone sopra i 65 anni […]. Nei primissimi giorni della prossima settimana ci sarà una circolare che andrà in questa direzione […]. Noi in questo momento abbiamo un’esigenza particolare e cioè quella di vaccinare le persone più fragili […]. Io credo che questa sia la prima missione per il nostro Sistema Nazionale […]“.

Un passaggio anche sullo Sputnik: “La mia porta non è chiusa – ha ammesso il ministro, riportato dall’Ansama ci deve essere il via libera dell’Ema e dell’Aifa […]“.

Roberto Speranza
Roberto Speranza

Speranza sulle varianti

Il titolare della Salute ha parlato anche della situazione pandemica in Italia: “Mi aspetto una curva in crescita nelle prossime settimane. Non sarà un mese semplice quello di marzo. Possibile che altre regioni vadano verso il rosso. Noi dobbiamo adeguare le misure in base all’andamento della curva […]. In questo momento bisogna abbassare le bandierine di partito e si deve lavorare tutti insieme. Correre nelle vaccinazioni e salvare vite è l’obiettivo di tutto il Paese. Abbiamo avuto un cambio politico sostanziale e la scelta è dovuta principalmente all’emergenza. Alle prossime elezioni io, Giorgetti o Gelmini saremo su fronti di diversi, ma in questo dobbiamo restare uniti per la pandemia“.

TAG:
coronavirus primo piano vaccino coronavirus

ultimo aggiornamento: 07-03-2021


Caso FdI, un pentito: “Soldi al clan in cambio dei voti”. Meloni, “È partita la macchina del fango”

Pd, Zingaretti: “Dimissioni irrevocabili”