Crisi di governo, Matteo Renzi esulta ai microfoni del New York Times: “È stato un capolavoro della politica italiana”.

Renzi esulta ai microfoni del NYT (New York Times) presentando l’operazione Draghi come un capolavoro politico che ha fatto da solo, con un partito al 3%. E le dichiarazioni del leader di Italia Viva sembrano suggerire una strategia chiara, studiata a tavolino, per rovesciare Conte e lanciare la candidatura di Mario Draghi, effettivamente incaricato dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

MATTEO RENZI
MATTEO RENZI

Crisi di governo, Renzi esulta ai microfoni del NYT: “Ho fatto tutto da solo, con il 3 per cento”

Dopo essersi presentato per mesi come l’uomo che ha mandato a casa Matteo Salvini, Matteo Renzi ora si presenta alla stampa straniera come l’uomo che ha salvato l’Italia mettendo Draghi a capo del governo, che in effetti nascerà.

“Questa è stata la mia strategia. Ho fatto tutto da solo, con il 3 per cento!”, ha dichiarato Matteo Renzi ai microfoni del New York Times parlando dell’ormai prossimo avvicendamento a Palazzo Chigi.

“È stato tutto un gioco di tattiche parlamentari. E diciamo che lavorare per cinque anni nel palazzo dove lavorò Machiavelli ha aiutato un po’”, esulta il leader di Italia Viva Matteo Renzi che lavora così alla sua immagine internazionale magari nella speranza di ottenere un incarico di alto profilo.

″È stato un capolavoro della politica italiana […]. È stata l’operazione più complessa di tutta la mia carriera politica”, prosegue Matteo Renzi.

Una nuova versione dei fatti

Certo che le dichiarazioni di Renzi stonano con quanto detto dal leader di Italia Viva ai media italiani. Il senatore aveva fatto sapere di aver provato fino all’ultimo a salvare il Conte Bis e di non essere intenzionato a rovesciare il premier ora dimissionario. Dalle dichiarazioni rilasciate ai media stranieri emerge una narrazione decisamente differente.

TAG:
primo piano

ultimo aggiornamento: 11-02-2021


I ministri li scelgono Draghi e Mattarella

Berlusconi in ospedale dopo una caduta