Matteo Renzi al ‘TG2 Post’: “Noi non saremo complici di uno sperpero di denaro pubblico. Pronti a fare un passo indietro”.

ROMA – La resa dei conti tra Italia Viva e il premier Conte sembra essere ormai vicina. Intervenuto ai microfoni del TG2 Post, Matteo Renzi ha ribadito la posizione del suo partito: “La palla è nel campo del presidente del Consiglio – ha ricordato l’ex premier, riportato dall’AdnKronos Conte ha detto andremo in Senato e sfideremo Iv. Bene, noi siamo diversi dagli altri, non ci interessano sgabelli e poltrone“.

Renzi: “Presenteremo un documento sul Mes”

Il leader di Italia Viva è pronto a sfidare il resto della maggioranza nel prossimo vertice: “Noi chiediamo più soldi alla sanità e per farlo vuol dire prendere il Mes. Questa non è una discussione da irresponsabili. Noi non saremo complici di uno sperpero di denaro pubblico, se dobbiamo buttare via i soldi lo facciano senza di noi. Siamo pronti a presentare un documento in cui c’è scritto: Mes sì o no? […]. Da Italia Viva nessuno va verso i responsabili. Se Conte non ha i voti c’è un altro governo, non le elezioni“.

Un passaggio anche sugli scontri negli Usa: “Quando c’è una ferita alla democrazia si sta tuti dalla parte della democrazia, non è che se uno è amico di Trump non si dicono parole chiare“.

Matteo Renzi
Matteo Renzi

Bellanova: “Senza risposte sarò all’opposizione”

Anche da parte della ministra Bellanova critiche al premier Conte: “Se non arrivano risposte sono pronta a fare opposizione […]. Le elezioni non possono essere un richiamo minaccioso verso Italia Viva […]. Io non penso che gli elettori degli altri partiti di maggioranza vogliono tornare al voto […]. Draghi? Sicuramente ha la mia grande fiducia ed è una persona molto apprezzata. Non sarei per tirarlo in una discussione che al momento è concentrata sul merito delle questioni e non sui nomi“.

Vaccino Covid, quando farlo, come prenotarsi e da chi saremo chiamati

TAG:
Giuseppe Conte Italia Viva Matteo Renzi politica

ultimo aggiornamento: 08-01-2021


Il ‘day after’ dell’assalto al Capitol Hill, Twitter e Facebook bloccano Donald Trump

Usa, Trump riconosce la vittoria di Biden