Matteo Salvini al Corriere della Sera: “Noi saremo al fianco di Draghi fino alla fine e poi speriamo in un governo di Centrodestra”.

ROMA – Matteo Salvini attraverso le pagine del Corriere della Sera è ritornato ad attaccare l’ex premier Conte: “Lui farà di tutto per mandare a casa Draghi perché secondo lui gli ha rubato il posto. Io penso che questo governo durerà fino al 2023 anche perché i grillini non vogliono rimanere senza lavoro e senza stipendio prima del tempo. Noi come Lega saremo al fianco del premier fino alla fine e poi spero in un governo con guida Salvini […]“.

Il messaggio di Salvini a Pd e M5s

In questa intervista, riportata dall’Adnkronos, Salvini ha voluto inviare un messaggio anche a Pd e M5s: “Ai grillini e a Letta dico chiaro che non si sta dentro al governo per dire solo di no, ma per costruire. Se vogliono rompere o distruggere, si accomodino“.

Non poteva mancare un passaggio sul ddl Zan: “Io e Renzi ascoltiamo il Santo Padre. E siamo d’accordo sul tentativo di evitare un inutile scontro. Si tratta solamente di tre articolo, non c’è altro. Da Renzi mi dividono molte cose, ma se vuole dare una mano nella nostra battaglia sulla giustizia non mi scandalizzo“.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Matteo Salvini
Matteo Salvini

Salvini e Renzi d’accordo sul reddito di cittadinanza

Aiuto che potrebbe essere ricambiato da Salvini sul reddito di cittadinanza. “Bisogna rivederlo – ha detto in uno dei suoi interventi pubblici riportato dal Corriere della Serainvece di creare lavoro, sta creando problemi“. Dichiarazioni che fanno pensare ad un possibile aiuto a Renzi sul referendum nel 2022.

Il leader della Lega, comunque, non sembra avere intenzione di fare un passo indietro e il partito di via Bellerio, nonostante le idee diverse e i continui scontri con il Pd, continuerà a sostenere il premier Draghi almeno fino al 2023.

TAG:
governo Draghi

ultimo aggiornamento: 11-07-2021


Letta: “Nessuna mediazione sul ddl Zan. Rivedere la norma dei licenziamenti se l’andazzo è questo”

M5s, accordo Conte-Grillo. Di Maio: “Ora via al nuovo corso”