Lunga intervista ai microfoni di Sky TG24 per Giorgia Meloni: “La TAV va fatta. No ad un governo tecnico, si torni al voto”.

ROMA – Lunga intervista ai microfoni di Sky TG24 per Giorgia Meloni. La leader di Fratelli d’Italia ritorna sull’argomento TAV: “L’opera va fatta perché è strategica per tutto il Pese. Come va fatto il Ponte sullo Stretto di mattina. Noi ci siamo battuti per dare la parola ai cittadini. Il M5s è nato sulla partecipazione online, non capisco perché ora non vuole fare il referendum. Forse perché non è Casaleggio a controllare i risultati“.

Sulla possibile crisi di governo – “M5s e Lega hanno votato cose distanti dalla loro linea politica e non capisco tutti questi problemi. Forse hanno paura ad affrontare la manovra correttiva“.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

GIORGIA MELONI
GIORGIA MELONI

Giorgia Meloni: “No ad un governo tecnico. Problemi all’interno di Forza Italia”

Giorgia Meloni smentisce la possibilità di un governo tecnico: “Noi siamo per il no, abbiamo visto i risultati prodotti in passato. La parola deve tornare ai cittadini“.

Sul Centrodestra – “Forza Italia ha un chiaro problema a livello nazionale e forse le difficoltà saranno evidenziate alle prossime Europee. Questo argomento è quello che ci divide di più. Berlusconi dice che non voterà l’epurazione di Orban ma poi quelli del Ppe fanno quello che vogliono“.

Su Berlusconi indagato – “Non vedo novità. Non è la prima volta che succede ma toccherà ai giudici riuscire a dimostrare la sua colpevolezza. In molti anni non ci sono riusciti, vedremo cosa succederà“.

Sul governo – “Salvini dice basta agli sconti di pena per gli stupratori, cosa che noi chiediamo da anni. A lui voglio ricordare che in base alle norme varate dalla maggioranza uno stupratore può prendere il reddito di cittadinanza. Su questo è stato bocciato un nostro emendamento“.

Sulle case chiuse: “Non sono favorevole ma è sbagliato il modo in cui perseguono gli sfruttatori attualmente“.


TAV, Conte: bandi sospesi. La Telt farà solo attività preliminari

TAV, slittano i bandi ma Telt fa partire gli inviti